Giuseppe Bellosi presenta “Dante in Romagna” alla Bottega Bertaccini il 29 maggio alle 17.30

La Romagna è territorio dantesco e molte sono le testimonianze di ciò. A queste si aggiunge quella dell’ex bibliotecario Giuseppe Bellosi che sabato 29 maggio alle 17.30 presenta “Dante in Romagna” pubblicato da Il Ponte Vecchio, scritto a quattro mani con Eraldo Baldini per il quarto e ultimo appuntamento per il mese di maggio della rassegna “Torniamo al mondo – quattro libri per ricominciare” alla Bottega Bertaccini di Faenza.

“Dante in Romagna” di Giuseppe Bellosi

Sabato 29 maggio, alle 17.30, Giuseppe Bellosi presenterà il libro “Dante in Romagna – Mito, Leggende, Aneddoti, Tradizioni Popolari e Letteratura Dialettale”, pubblicato da Il Ponte Vecchio e scritto a quattro mani con Eraldo Baldini. Gli autori affrontano il rapporto fra Dante e la Romagna da una angolazione popolare e antropologica: non parlano di come Dante ha raccontato la Romagna, ma di come i romagnoli hanno vissuto e idealizzato Dante. Si tratta di un saggio che si aggiunge agli studi danteschi di questi anni dalla prospettiva dell‘aneddotica e delle leggende popolari nate dalla presenza del Sommo Poeta in Romagna, luogo non solo di esilio, ma anche di protettivo e amorevole rifugio. Dante è sepolto a Ravenna e questo crea un legame ancor più stretto con il territorio romagnolo. Non è quindi un caso che la Romagna, dopo la Toscana, sia la regione più presente nella Divina Commedia. Nel libro viene poi riportata una scelta delle brillanti traduzioni in dialetto romagnolo che molti autori hanno realizzato. Ad accompagnare Bellosi, ci sarà il giovane studioso Alberto Giovannini, collaboratore della rivista “La Ludla”, il giornale della Associazione Istituto Schürr, con nell’ultimo numero un interessante suo saggio proprio sui rapporti fra Dante e il dialetto romagnolo. Una copia della rivista verrà omaggiata agli intervenuti durante l’incontro.

Giuseppe Bellosi

Prorogata la mostra “mestieri di ieri e mestieri di oggi”

La mostra “Mestieri di ieri / Mestieri di oggi“, realizzata in collaborazione con l’Associazione Il Lavoro dei Contadini, è stata prorogata fino al 26 giugno, nei consueti orari di apertura della Bottega. Nell’allestimento presentato si compie un percorso che attraversa i secoli partendo dagli Antichi Mestieri di Bologna con incisioni seicentesche di Annibale Carracci e Giuseppe Maria Mitelli, fino ad arrivare ai giorni nostri con le ceramiche di Carla Lega di Faenza, i cesti di Arianna Ancarani di Tredozio, le tele stampate di Egidio Miserocchi di Santo Stefano, le suppellettili in legno di Stefano Rubboli di San Zaccaria e le teglie di Maurizio Camilletti di Montetiffi.

Info e prenotazioni

Gli incontri si tengono all’aperto, sotto l’androne. I posti a sedere sono limitati e distanziati ed è obbligatorio prenotarsi al numero 0546 681712.

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna e qui continuo a studiare Italianistica. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

2 thoughts on “Giuseppe Bellosi presenta “Dante in Romagna” alla Bottega Bertaccini il 29 maggio alle 17.30

  • 29 Maggio 2021 in 15:50
    Permalink

    Ops, mi piacerebbe ma la Bottega Bertaccini NON è in Palazzo Laderchi. Ma bastano 20 passi e arriviamo al numero 4 di corso Garibaldi.

    Risposta
    • 29 Maggio 2021 in 19:10
      Permalink

      grazie per la segnalazione, correzione fatta

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.