A Villa Abbondanzi il raduno di auto storiche di Officina Ferrarese

Il Relais Villa Abbondanzi di Faenza ha fatto da cornice domenica 6 novembre 2016 all’esposizione di auto storiche del Club Officina Ferrarese, associazione che da trent’anni organizza eventi in tutta Italia e che vanta oltre mille iscritti provenienti anche dall’estero. Quaranta modelli d’auto italiane e straniere sono state ospitate nel Relais di Villa Abbondanzi, con i proprietari delle vetture che hanno potuto vivere una giornata immersi nel verde della struttura faentina. Massimo Bucci, presidente del gruppo Bucci Industries e titolare del Relais Villa Abbondanzi, ha illustrato loro i giardini del Relais, raccontando aneddoti storici legati a questa struttura, poi i soci del Club Officina Ferrarese sono stati ospiti del Relais per l’aperitivo e il pranzo. Nel primo pomeriggio c’è stata la visita guidata al Museo Internazionale delle Ceramiche, uno dei fiori all’occhiello della città di Faenza.

Nel pomeriggio la visita guidata al Mic

auto-depoca-2«E’ stato un grande onore aver ospitato un simile evento – spiega il dottor Bucci -, soprattutto per un appassionato di automobili come me che ha sempre amato questi stupendi modelli. Aver inserito nel programma anche la visita al Mic è stato importante, perché tengo molto a mostrare alle persone che arrivano da fuori tutte le bellezze della nostra città». Soddisfatto anche Carlo Grelewski, presidente del Club Officina Ferrarese. «Era la prima volta che venivamo a Faenza e non potevamo essere accolti in modo migliore – sottolinea -. Il Relais Villa Abbondanzi è un vero gioiello e nelle tante uscite che abbiamo fatto in questi anni non avevamo mai visto un simile scenario. Il nostro club organizza da tempo importanti eventi come il Valli e Nebbie e altre manifestazioni con l’obiettivo di far conoscere il mondo delle auto d’epoca».

Officina Ferrarese a Villa Abbondanzi

La visita del Club Officina Ferrarese al Relais Villa Abbondanzi è stato possibile anche grazie all’amicizia nata tra Massimo Bucci e il vice presidente Maurizio Magri. «Ho conosciuto Massimo otto anni fa durante una serata organizzata dal Club Maserati vicino a Ferrara – racconta Magri – e quasi per caso abbiamo scoperto di avere tanti amici in comune. Da quel giorno siamo sempre stati in contatto e quando c’è stata la possibilità di venire a Faenza abbiamo subito accettato l’invito. E’ stata davvero una bella giornata e spero si possa ripetere il prima possibile».

Rispondi