Una segnalazione ogni 8 ore: i primi 6 mesi di “Comuni-Chiamo” a Faenza

Comuni-Chiamo comunica veramente oppure no? Ecco alcuni dati per cominciare a farci un’idea. Da giugno 2015 alla fine dell’anno sono arrivate 585 segnalazioni al comune di Faenza. In media cento ogni mese. Detto in altri termini: circa 25 avvertimenti alla settimana, più o meno tre al giorno, uno ogni otto ore. E’ questo il bilancio dei primi sei mesi di attivazione a Faenza di “Comuni-Chiamo”, il servizio, attivo anche su piattaforma online, che consente di creare un filo diretto tra l’amministrazione comunale e i cittadini per segnalare disservizi o altre situazioni di disagio.

Da giugno sono state 585 le segnalazioni

“Comuni-Chiamo” – già attivo in numerose città d’Italia – è stato avviato in forma sperimentale nello scorso giugno per essere poi presentato ufficialmente ai cittadini a ottobre. Rifiuti per la strada, lampioni rotti, alberi pericolanti: sono queste le principali segnalazioni arrivate nel corso del secondo semestre del 2015, per un totale di 585 comunicazioni. La novità di questo servizio è la possibilità di segnalare i disservizi online, tramite computer o, ancor più facile, tramite smartphone o tablet. In alternativa, rimangono anche le vecchie abitudini: le segnalazioni possono essere fatte di persona allo sportello Urp in piazza Nenni.

Illuminazione pubblica e rifiuti i problemi maggiori

«È certamente positivo il bilancio dei primi sei mesi di vita di “Comuni-Chiamo” – dichiarano dall’amministrazione comunale – In questi primi mesi alla maggior parte delle segnalazioni dei cittadini (96%) è stata data risposta entro entro trenta giorni: a molte di queste anche entro quattro-cinque giorni». Essendo una piattaforma online non stupisce che il web sia il mezzo preferito per le segnalazioni di Comuni-Chiamo, infatti circa il 40% sono state fatte utilizzando smartphone. Certo, Comuni-Chiamo avrà bisogno di ancora un periodo di assestamento per aumentare di efficacia e non ci renderà certo cittadini migliori, ma se non altro rappresenta la possibilità di avere un confronto diretto con l’amministrazione senza mediazioni tramite altri faziosi strumenti online. Prima di lamentarci, segnaliamo. Poi valuteremo se lamentarci o meno.

Rispondi