COMUNI-CHIAMO – La nuova piattaforma che consente di inviare foto e segnalazioni al Comune

È sbarcato anche a Faenza Comuni-Chiamo, il nuovo sistema interattivo che consente ai cittadini di fare segnalazioni direttamente al Comune di riferimento semplicemente attraverso il proprio cellulare o tablet. Tramite una semplice registrazione gratuita su www.comuni-chiamo.com/@Faenza ti sarà possibile inviare in tempo reale una segnalazione relativa a un problema che hai riscontrato nella tua città. Sei in giro per strada e per poco non inciampavi in una maledetta buca? Segnala a Comuni-Chiamo. Vorresti passeggiare nel parco ma le aree verdi sono allo sbando da mesi? Segnala a Comuni-Chiamo. È pieno di immondizia per strada? Segnala a Comuni-Chiamo. Sarà poi possibile monitorare passo per passo la risoluzione del problema che verrà effettuato da parte degli organi competenti.

 COMUNI-CHIAMO Vs. FAENZANET?

comunichiamo2Presentata nella nostra città martedì 27 ottobre, questa piattaforma è già presente a Trieste, Parma e altri 55 Comuni in Italia, e tenta di rispondere all’esigenza di un rapporto diretto del cittadino con le istituzioni, specie quelle pubbliche. Spesso infatti la pubblica amministrazione, per mancanza di fondi o di volontà, fatica ad utilizzare appieno l’immenso patrimonio che si è andato sviluppando negli ultimi anni con la tecnologia digitale, le App, o i vari social network. Si è creata così una doppia velocità che tanti “bug” ha creato a Faenza: da un lato tramite i social si postavano segnalazioni e foto in tempo reale attraverso siti o pagine ben lontane dall’essere attendibili (è il caso di Faenzanet) dall’altro il Comune ben poco faceva per stare al passo con i tempi e avvicinarsi concretamente alle esigenze delle persone.

Solo la prova dei fatti potrà però dire se Comuni-Chiamo è effettivamente lo strumento giusto per risolvere questa conflittualità all’interno della nostra città (a tal proposito segnaliamo questo articolo critico redatto dal Movimento 5 Stelle sulla sua applicazione al Comune di Viareggio). Sicuramente grazie a questo strumento sarà possibile inviare segnalazioni e foto senza per forza scadere nel commento becero o nella polemica partitica. Basterà però per renderci cittadini migliori?

Una schermata del 27 ottobre scorso sulla pagina facebook di Faenzanet che segnala uno dei tanti disagi che affliggono Faenza
Una schermata del 27 ottobre scorso sulla pagina facebook di Faenzanet che, attraverso foto inviate dagli utenti, segnala uno dei tanti disagi che affliggono Faenza

 

Samuele Marchi

4 pensieri riguardo “COMUNI-CHIAMO – La nuova piattaforma che consente di inviare foto e segnalazioni al Comune

  • 30 ottobre 2015 in 11:07
    Permalink

    Forse se imparaste proprio da Faenzanet come si fa una buona informazione non asservita al potere sui fatti della città, invece di propinare dei servizi che servano ad aumentare gli incassi delle vostre coop con i migranti potrebbe rendere questo sito più interessante.

    Risposta
  • 30 ottobre 2015 in 11:50
    Permalink

    Gentile Lucia,

    sul fatto che la pagina facebook di Faenzanet, oltre a censurare commenti scomodi, si sia resa partecipe di molti casi di disinformazione abbiamo già trattato in un precedente articolo mesi fa e mi dispiace molto (e trovo sia molto grave) che lei la consideri veramente una fonte autorevole per la nostra città. I nostri servizi (al momento gli unici che sviscerano così approfonditamente certi temi sulla nostra città, come quelli dei richiedenti asilo) non hanno alcun fine se non quello di fornire al lettore un quadro chiaro, il più possibile a 360°, della situazione a Faenza su questo tema. Questo, riteniamo, significa fare Informazione. Da questi servizi poi lei può trarre il giudizio che vuole, purchè porti argomentazioni concrete e non critiche infondate come quella appena scritta. Buona giornata!

    Risposta
  • 11 novembre 2015 in 13:23
    Permalink

    BUONGIORNO
    Passo spesso dal Parco degl’orti è molto bello e tenuto benissimo suggerisco di mettere una targhetta nei box che contengono gli attrezzi agricoli col nome e a cosa servivano molti giovani non lo sanno.
    Saluti Giorgio

    Risposta
  • 4 dicembre 2015 in 17:31
    Permalink

    Nella pista ciclabile di via Oberdan gli zingari buttano di tutto (bicchieri, bottiglie, cartacce, stracci ecc ecc. Hanno un permesso speciale o lo possono fare tutti?

    Risposta

Rispondi