Cattivi odori, il 30 marzo incontro sulla nuova normativa del M5S

Quante “puzze” avvolgono le nostre città? Sabato 30 marzo 2019 a Faenza e a Marina di Ravenna si parlerà di “diritto al respiro” con Ilaria Fontana, portavoce alla Camera del Movimento 5 Stelle, componente della commissione ambiente e prima firmataria della proposta di legge relativa alle “sostanze odorigene”. «Vi parlo di diritto al respiro – scrive Fontana – può sembrare strano, ma la proposta di legge non fa altro che garantire questo diritto fondamentale, introducendo nel Testo unico ambientale un argomento finora trascurato e colmando la lacuna legis attuale: introduciamo infatti il concetto di sostanze odorigene». L’incontro è a Marina di Ravenna, ore 10.30, nella sala riunioni delle sede decentrata del Comune di Ravenna in Piazzale Marinai d’Italia 19, e a Faenza, ore 17.30, presso la sala Bigari della Residenza Municipale in piazza del Popolo 31. L’evento “Sostanze Odorigene: la nuova proposta di legge a tutela dei cittadini”, con la portavoce Ilaria Fontana. Organizzano il Movimento 5 Stelle di Faenza e il Meetup A riveder le stelle di Ravenna. Ingresso libero.

Una nuova normativa sulle sostanze odorigene

«Nella normativa vigente – prosegue Fontana – non ci sono specifici riferimenti alla necessità di contenere i cattivi odori, quasi sempre sintomo di una forma di inquinamento. E se mancano limiti e riferimenti normativi, non è possibile nemmeno sanzionare chi produce questi odori molesti né si può intervenire in casi eclatanti. La salute delle persone e la salvaguardia dell’ambiente non possono aspettare. Con questa legge garantiamo il diritto al respiro dei cittadini e rendiamo più puliti gli impianti di trattamenti dei rifiuti, le industrie e soprattutto le nostre città». Un’occasione, dunque, per approfondire una tematica in apparenza indefinibile, ma i cui effetti ricadono su tutti, come testimoniato dalle tante iniziative dei gruppi di “sentinelle odorigene” che si attivano spontaneamente sui territori per comprendere e arginare il fenomeno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.