Recupero di rifiuti inerti: l’amministrazione comunale visita l’azienda faentina specializzata Recter

La sensibilità su questioni ambientali è un fattore molto importante, soprattutto in tempi attuali.  Per questo nella mattinata di lunedì 19 aprile l’azienda faentina Recter, specializzata nel recupero di rifiuti inerti, ha ospitato l’amministrazione comunale di Faenza e in particolare il sindaco Massimo Isola e gli assessori Luca Ortolani e Milena Barzaglia, nel proprio Polo di recupero in via Modigliana e in via Pittora. In questa occasione il presidente Boris Pesci ha presentato l’attività di recupero dei siti faentini di Recter che nelle Province di Ravenna e Bologna recupera il 90% dei rifiuti in ingresso.

Recter 5 “la Crocetta”: quali sono i rifiuti trattati

In particolare si è dato rilievo all’attività di Recter 5 “la Crocetta” ovvero la raccolta di materiali di scarto, prevalentemente provenienti dal territorio faentino, che derivano da costruzione, demolizione e scavo: i cosiddetti rifiuti inerti. Con i materiali recuperati si produce poi il riciclato di laterizio o di cemento per rilevati e sottofondi stradali, evitando così l’estrazione di materie da nuove cave e di terreno dalle colline circostanti.  Il materiale trattato in Crocetta è un rifiuto speciale non pericoloso di matrice prevalentemente inerte, composto da macerie, mattoni e materiali derivanti da ristrutturazioni edilizie, oltre che alcune ‘ramaglie’ provenienti dalla raccolta del verde pubblico. Questa attività ha permesso di recuperare circa il 90% dei materiali conferiti per essere immessi sempre nel territorio sotto forma di mps, cioè come materie prime secondarie. Autosufficienza e prossimità degli impianti di recupero, sottolinea Pesci, sono necessarie per una buona e sana economia circolare. Oltre a questi  “Recter 5 Crocetta” ritira anche altri tipi di rifiuti come imballaggi in legno, sfalci e potature, rifiuti ceramici, cartongesso, ceneri dalla combustione di biomasse, fanghi di dragaggio, new jersey autostradali e pali di cemento dismessi. 

Recter 6 e il progetto “Cantiere pulito”

La visita ha coinvolto anche il polo Recter 6 in via Pittora, il sito autorizzato all’esercizio dell’estrazione di materiali inerti e della relativa commercializzazione del materiale scavato. La cava è specializzata nella fornitura di sabbia e ghiaia in natura e la visita dell’amministrazione comunale è stata l’occasione di verifica della fine dei lavori del 1° stralcio di bonifica dei residui legnami derivanti dall’incendio del 2018. Infine, il Gruppo Astra Recter ha presentato il progetto “Cantiere pulito” che, con il semplice utilizzo di contenitori flessibili da 1 mc denominati “big bags”, può rendere possibile la raccolta differenziata all’ interno di un cantiere edile di piccole dimensioni, ad esempio un cantiere per ristrutturazioni,  smaltendo correttamente le frazioni di inerti, materiali misti, cartongesso, lana di vetro e di roccia, e guaina bituminosa.

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna e qui continuo a studiare Italianistica. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.