In arrivo contributi alle scuole faentine: 23.500 euro per arricchire la formazione

Così come per il 2016, la giunta comunale ha confermato anche per l’anno scolastico 2017/18 contributi straordinari per progetti di qualificazione scolastica tesi a potenziare e arricchire l’offerta formativa a supporto dell’attività didattica delle scuole, per un ammontare complessivo di 23.500 euro. Una prima tranche dei fondi, 20mila euro – 5mila euro per ciascuno dei quattro Istituti comprensivi statali della città – sono finalizzati ad interventi socio-educativi rivolti principalmente all’infanzia, a supporto dell’attività didattica e dei laboratori. Oltre agli studenti saranno gli insegnanti a beneficiarne tramite le attività di formazione, da realizzarsi nell’ambito dell’autonomia scolastica dei singoli istituti.

Contributi alle scuole periferiche per poter svolgere attività didattiche in centro

I restanti 3.500 euro sono invece “bonus” che le scuole periferiche delle frazioni di Granarolo, Reda, Cosina e Borgo Tuliero, utilizzeranno per garantire agli alunni pari opportunità di partecipazione ad attività culturali e laboratori didattici che si svolgono nel centro della città. Senza questo intervento il divario dei costi di viaggio ricadrebbe interamente sulle scuole e sulle famiglie. «Il fatto che la scuola rivesta un ruolo fondamentale – dichiara l’assessore alle Politiche educative Simona Sangiorgi – non può esaurirsi in una semplice affermazione di principio, ma occorre esserne conseguenti, con l’impegno a sostenerla. Nonostante le difficoltà delle scuole a far quadrare i conti, con questi contributi straordinari l’Amministrazione comunale vuol dare un segnale concreto per un sistema scolastico che non rinunci alla qualità e alla ricchezza dell’offerta formativa e possa garantire a tutti pari opportunità nell’accesso ai servizi e alle attività».

Rispondi