Ricercatori, c’è chi rimane: venerdì 30 la serata per conoscerli ai Salesiani

Non solo cervelli in fuga dall’Italia: venerdì 30 settembre 2016 sarà l’occasione per conoscere i giovani ricercatori che hanno deciso di investire le loro energie per il nostro Paese. Attraverso lezioni divulgative, momenti più conviviali e concerti, il complesso ex Salesiani di Faenza (via San Giovanni Bosco, 1) si animerà a partire dalle 18 con i dottorandi e ricercatori del polo accademico faentino che ospita, tra gli altri, corsi di laurea dell’università di Bologna in Infermieristica e Chimica dei materiali.

L’occasione è fornita dalla Notte dei Ricercatori, un’iniziativa promossa e co-finanziata dalla Commissione Europea e nasce con l’obiettivo di avvicinare il grande pubblico al mondo della ricerca e in particolare alla figura del ricercatore, dimostrando che “il ricercatore è una persona normale che fa cose eccezionali”, contribuendo ad accrescere nei cittadini la consapevolezza dell’importanza che oggi riveste la ricerca scientifica per lo sviluppo culturale, sociale ed economico della società.

La Notte Europea dei Ricercatori si svolge ogni anno l’ultimo venerdì di settembre contemporaneamente in oltre 200 città europee e, in Romagna, a Bologna, Cesena, Faenza, Forlì, Predappio, Ravenna, Rimini. Faenza ospiterà la tappa dell’evento presso il Complesso dei Salesiani grazie alla collaborazione tra la Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza e il Campus di Ravenna dell’Università di Bologna.

A Faenza i corsi di laurea in Infermieristica e Chimica dei materiali

Dimostrazioni pratiche, momenti convivali e concerto finale. Il programma prevede dalle 19 alle 22 “Infermieri in pillole” con dimostrazioni pratiche con l’ausilio di manichini professionali. Il corso è a cura del A cura del corso di studio in Infermieristica. Alle 19:30 partirà “Linea Viola” dove si racconterà la ricerca a supporto del trattamento della voce per il professionista della voce artistica. Precedentemente alle 17.00 si svolgerà Tra materiali antichi e moderni. Un viaggio tra immagini e campioni per conoscere i materiali del futuro, restaurare e far rivivere oggetti del passato. Gran finale dell’evento alle 22 con il concerto rock di “How to smash brains” e “Trema”, band formate da studenti del corso di studi in Infermieristica.

Rispondi