Redditi in provincia: Faenza sale, Brisighella scende. Ecco tutti i numeri

Ravenna con un reddito medio superiore ai 20mila euro, “Paperoni” a Faenza e in generale – per quasi tutti i Comuni – redditi più alti rispetto al 2013. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato i resoconti Comune per Comune delle dichiarazioni fiscali 2015, nelle quali i contribuenti italiani hanno comunicato al fisco i propri redditi per l’anno di imposta 2014. Dalla provincia di Ravenna arrivano alcune conferme e qualche sorpresa.

Ravenna, Faenza, Lugo: reddito medio tra 19mila e 20mila euro

Sul podio dei tre Comuni con redditi Irpef più alti troviamo Ravenna, Faenza e Lugo. Le tre città maggiori, che fungono da importante polo di riferimento per tutto il circondario e che hanno una vocazione più marcata verso il settore terziario (servizi bancari ed assicurativi, servizi alla persona, turismo e ristorazione…) presentano per il 2014 un reddito medio per contribuente fra i 19mila e i 20mila euro: Ravenna tocca i 20.458 euro a contribuente, mentre Faenza (19.773 euro) e Lugo (19.760 euro) hanno redditi quasi identici. Molto buono anche il livello dei redditi in due Comuni minori ma decisamente “centrali” e ben collegati a Lugo, come Sant’Agata sul Santerno e Cotignola.

 Comune Reddito medio (euro) Differenza sul 2013 Percentuale di super-ricchi
CASOLA VALSENIO 16.568,35 95,35 0,00%
CERVIA 16.573,31 -50,69 0,50%
SOLAROLO 17.060,24 162,24 0,46%
BRISIGHELLA 17.305,14 -80,86 0,32%
FUSIGNANO 17.784,67 294,67 0,28%
ALFONSINE 17.982,27 316,27 0,31%
MASSA LOMBARDA 18.044,13 153,13 0,24%
CONSELICE 18.070,15 277,15 0,46%
RIOLO TERME 18.184,28 235,28 0,46%
BAGNACAVALLO 18.463,11 338,11 0,47%
BAGNARA DI ROMAGNA 18.597,22 133,22 0,49%
RUSSI 18.625,86 219,86 0,39%
CASTEL BOLOGNESE 18.876,84 39,84 0,52%
SANT’AGATA SUL SANTERNO 19.458,65 214,65 0,28%
COTIGNOLA 19.511,44 253,44 0,62%
LUGO 19.759,82 51,82 0,64%
FAENZA 19.773,02 401,02 0,74%
RAVENNA 20.548,35 97,35 0,69%

Dopo il gruppo dei Comuni che presentano dichiarazioni intermedie – e che mette insieme Massa Lombarda, Conselice, Riolo Terme, Bagnacavallo, Bagnara, Russi e Castel Bolognese –  troviamo invece una serie di realtà che per il 2014 hanno un reddito medio inferiore ai 18mila euro a contribuente.

Il valore medio dei redditi nella provincia di Ravenna
Il valore medio dei redditi nella provincia di Ravenna

Quest’ultimo raggruppamento è assai eterogeneo: troviamo due Comuni della Bassa Romagna a cavallo fra il settore manifatturiero (calzaturiero a Fusignano) e agricolo (Alfonsine); due Comuni collinari a vocazione agricola e turistica (Brisighella e Casola Valsenio); un comune costiero rinomato in tutta Italia per la propria offerta turistica (Cervia) ed uno di pianura a specializzazione agricola (Solarolo). Cosa emerge da questo dato? Sicuramente  c’è una difficoltà a produrre redditi elevati in ambito collinare e montano, e in generale vi è un affaticamento dei settori tradizionali come quello della produzione agricola e industriale. Più difficile leggere il dato di Cervia, che comunque potrebbe risentire di una serie di attività economiche (albergazione, ristorazione, settore del divertimento…) più sottoposte alle fluttuazioni del mercato (il 2014 non è stato un buon anno per il turismo in riviera) e “dormienti” di inverno.

Variazione redditi: solo Brisighella e Cervia col saldo in negativo

Tuttavia può essere utile prendere in considerazione la variazione dei redditi fra 2013 e 2014, e vedere come è cambiata la situazione. Chi ha visto il proprio reddito medio aumentare, e chi invece si è trovato un portafogli un po’ più magro?

Variazione dei redditi 2013-2014
Variazione dei redditi in provincia di Ravenna 2013-2014

Innanzitutto balza all’occhio come per 17 Comuni su 19 in provincia di Ravenna il 2014 abbia portato ad un aumento del reddito medio: la differenza segna un aumento di 300 euro a contribuente ad Alfonsine, Bagnacallo e Faenza, dove addirittura tocca un un saldo positivo di 401 euro su base annua. Molto buono il dato di Riolo Terme e in generale della Bassa Romagna, anche per i Comuni che presentano invece un reddito medio basso rispetto allo scenario provinciale: significa che nel 2014 sono ancora presenti delle differenze a livello di produzione della ricchezza, ma sono andate assottigliandosi. Chi non può sorridere invece sono ancora i contribuenti di Brisighella (-81 euro pro capite) e Cervia (-51 euro), che abbinano a un basso reddito un passo indietro nell’anno 2014.

Faenza la città con più “Paperoni”: 334

Infine, una nota di colore: dove troviamo i super-ricchi in provincia di Ravenna? Le dichiarazioni Irpef indicano il numero dei contribuenti con un reddito superiore a 120mila euro annui, ed è possibile calcolare la loro percentuale sul totale. È Faenza la città con più “Paperoni” della provincia: sono 334, pari allo 0,7% dei contribuenti. Anche gli altri due enti maggiori, Ravenna e Lugo, si connotano per un’alta percentuale di percettori di redditi alti. All’estremo opposto troviamo la piccola Casola Valsenio dove nessun cittadino – pare – guadagna più di 10mila euro al mese.

Rispondi