Nasce “Faenza Sport”: atletica, lotta e nuoto uniti in un progetto comune

Prende il via il più importante progetto unitario nel mondo dello sport faentino dalla seconda metà del secolo scorso in avanti. Atletica 85, Club Atletico Lotta e Centro Sub Nuoto Club 2000 mettono insieme idee e forze in Faenza Sport, che nasce come marchio ma vuole essere molto di più. Il mondo sportivo di Faenza è stato caratterizzato negli ultimi decenni da un proliferare di società spesso con caratteristiche simili che hanno faticato a trovare spazi di avvicinamento: quelle che hanno portato avanti le attività di atletica leggera, lotta e in acqua hanno sempre lavorato per trovare strade comuni. Da oggi intendono andare oltre, riproponendo lo spirito che animò il glorioso “Club Atletico”, denominazione mantenuta da società che hanno la stessa radice “polisportiva”.

Infografica Faenza Sport

Il progetto unisce Atletica 85, Centro Sub Nuoto Club 2000 e Club Atletico Lotta

FaenzaSport77«Le porte sono aperte a chi condivide le idee che hanno portato le tre società a trovare il momento di sintesi da cui partire – afferma Alberto Morini, dirigente sportivo e coordinatore di Faenza Sport, progetto costruito assieme a Stefano Casanova e Andrea Casadio per l’atletica, Antonio Marcelli e Roberto Carboni per il nuoto e Gianni Morsiani per la lotta – I dirigenti di Atletica 85, Club Atletico Lotta e Centro Sub Nuoto stanno parlando da qualche anno di intraprendere strade comuni, nel rispetto delle proprie specificità, affinché possano trarne vantaggio coloro che praticano questi sport agonistici, senza dimenticare gli associati che svolgono attività finalizzate al benessere personale, e avere più forza contrattuale a beneficio delle rispettive economie». Faenza Sport nasce con la volontà di mettere insieme il meglio dei tre Club creando tra loro una forte partnership pur continuando autonomamente a svolgere la propria specifica attività, valorizzando il patrimonio umano, sportivo, sociale, storico e valoriale che li accomuna, creando le condizioni da una parte per la crescita del talento sportivo e dall’altra perseguendo, in maniera più strutturata, la promozione nelle scuole e la diffusione dello sport tra i giovani.

Faenza Sport: “Insieme è meglio”

Uno dei principali obiettivi di Faenza Sport sarà erogare servizi a condizioni favorevoli in regime di reciprocità, tra i soci dei tre club. Questi potranno riguardare accessi a condizione scontate, corsi, acquisto di materiale sportivo, e, in ogni caso, la contrattazione di presso terzi di costi per servizi. Il progetto prevede, tra l’altro, la divulgazione dei servizi e degli spazi messi a disposizione di scuole, giovani, adulti, master e categorie protette. L’obiettivo è di valorizzare il Centro sportivo “Graziola”, le Piscine comunali, la palestra “Lucchesi”, attraverso una strategia che possa prevedere anche formazione e attività in grado sfruttare le strutture come luoghi ideali per convention, team building, corsi di formazione e meeting.

Faenza Sport: 600 atleti 4mila famiglie

A rendere forte il progetto di Faenza Sport sono indubbiamente i “numeri”, dato che le tre società svolgono attività agonistica comprese nel Programma Olimpico attraverso quasi 600 atleti, inseriti in una comunità di oltre 4.000 famiglie con persone la cui età varia da 5 a oltre 90 anni. Faenza Sport è stato presentato ai faentini e agli organi d’informazione ieri mattina (sabato 25 febbraio 2017) al Bistrò Rossini di piazza del Popolo nel cuore del centro storico: oltre a dirigenti e tesserati di Atletica 85, Club Atletico Lotta e Centro Sub Nuoto, erano presenti delegazioni di altre società sportive del territorio, responsabili regionali e provinciali del Coni, l’assessore comunale allo sport Claudia Zivieri e l’ex campione di atletica leggera Stefano Mei.

Rispondi