Michele Busa, altri 2 ori internazionali a Genova: “Punto a fare sempre meglio”

Sono medaglie preziose quelle che si è messo al collo Michele Busa nel week end. Il quindicenne, atleta di punta del Centro Sub Nuoto Club 2000, ha conquistato due ori e un bronzo al 35esimo Meeting internazionale di nuoto giovanile “Memorial Morena”, che si è svolto nella piscina olimpica del Complesso polisportivo Sciorba a Genova. Michele Busa faceva parte della Nazionale della categoria Ragazzi, allestita dal selezionatore Walter Bolognani, che ha partecipato al meeting assieme alle rappresentative danese e kuwaitiana, oltre a nuotatori di società di tutta Italia. Il nuotatore faentino ha vinto nei 100 metri farfalla in 56”78, davanti a Stefano Gancitano (Andrea Doria) e a Daniel Jensen (Danimarca), nei 200 farfalla in 2’08”89 davanti ancora a Gancitano e ad Alush Telaku (Genova Nuoto My Sport), e si è piazzato terzo nei 100 dorso.

Intervista a Michele Busa (Centro Sub Nuoto Club 2000)

E’ un 2017 che sta regalando tante sudate e meritate soddisfazioni al giovane nuotatore.
“E ci sono ancora gare importanti che disputerò – dice Michele Busa -: adesso mi sto concentrando sul prossimo appuntamento che è quello dei Campionati regionali dell’Emilia-Romagna a Bologna, dove il mio scopo è fare ancora meglio”.

Ossia vincere di più?
“Sì, non mi nascondo. Voglio vincere nei 100 e nei 200 metri delfino, nei 50 stile libero – annuncia Busa che compirà 16 anni il prossimo 21 agosto -; poi punto al podio nei 100 stile libero, nei 100 dorso e nei 200 misti”.

Sorprende la straordinaria tranquillità con cui l’atleta del Centro Sub Nuoto Faenza snocciola i suoi obiettivi.
“Sono alla mia portata, perché mi sento forte e bene allenato – afferma -. E’ bello potere rappresentare la mia società sportiva e portare a Faenza coppe e medaglie; ma è splendido gareggiare per la Nazionale. Lì sento un po’ di agitazione, perché dai miei colleghi Azzurri e da me ci si aspetta sempre tanto: questo nei giorni prima e nell’imminenza delle gare; poi, quando si va in acqua, si nuota per… andare forte e bene!”.

A Genova è andata benissimo per Michele Busa.
“Come no! Ma è andata bene anche alla Coppa Comen del Mediterraneo -. ricorda il nuotatore faentino che un paio di settimane fa ha regalato all’Italia la medaglia d’argento nei 100 metri a farfalla, la medaglia di bronzo nei 200 farfalla, oltre all’argento nella staffetta 4 per 100 mista -. A Malta si respirava proprio un vero clima di competizione internazionale, perché eravamo in tanti provenienti da numerosi paesi. E lì l’agitazione era ancora più grande, però i risultati ci sono stati”.

Tra tanto allenamento che gli occupa in media tre ore al giorno dal lunedì al sabato e la scuola, l’infaticabile Michele trova il tempo anche per giocare diverse partite di pallanuoto con la Prima Squadra e l’Under 17 del Centro Sub Nuoto, andando spesso in gol.
“Mio padre è allenatore di pallanuoto e mi ha trasmesso questa passione – conclude Busa -. E’ un gioco che mi diverte e sono contento di potere dare il mio contributo alla mia società anche in questo settore”.

Rispondi