Un giovane faentino al timone del prestigioso Hotel Palace di Milano Marittima

E’ stato conferito al giovane faentino Mattia Cicognani il prestigioso incarico di primo Maitre e direttore di sala presso una delle strutture più illustri del panorama alberghiero della riviera romagnola, ossia l’Hotel Palace di Milano Marittima. Un incarico meritato, arrivato a inizio maggio 2018, che premia la tenacia, l’umiltà e la grande professionalità di questo ragazzo che – nonostante la giovane età – di strada ne ha già fatta tanta.

Mattia Cicognani ha studiato all’Artusi di Riolo Terme

Classe 1990, nato a Faenza (dove è tuttora residente), Mattia Cicognani ha frequentato l’Istituto Alberghiero “Artusi” a Riolo Terme, e proprio durante quei cinque anni ha cominciato a lavorare in sala ristorazione presso vari alberghi, tra cui l’Hotel Mare Pineta di Milano Marittima, di proprietà della famiglia Batani, titolare di diversi alberghi nella costa (tra cui, appunto , il Palace); durante i tanti anni in cui ha lavorato duramente, ha imparato a farsi conoscere e apprezzare soprattutto per l’estremo rigore, la professionalità e i modi educati che da sempre lo contraddistinguono.

Collaborazioni anche con l’Enoteca regionale

Professore presso l’Istituto Alberghiero e di Ristorazione di Serramazzoni (Modena) durante la stagione invernale, Cicognani vanta inoltre numerose collaborazioni estive e non: oltre al sopracitato Hotel Mare Pineta (per cui ha lavorato sempre come maitre per parecchie stagioni), ha prestato servizio per le due stagioni passate presso il Grand Hotel di Rimini, ha presenziato e lavorato in numerosi eventi e collabora con l’Enoteca Regionale dell’Emilia-Romagna. Una serie di tappe significative in un curriculum in cui c’è ancora parecchio da scrivere, in una società che – nonostante le difficoltà di inserimento lavorativo per i giovani – premia comunque chi con fatica ogni giorno lavora con dedizione ma soprattutto tanta passione e professionalità.

Annalaura Matatia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.