Andrea Liverani: “Ancora allagamenti nel nuovo pronto soccorso”

E’ passata solo una settimana dalla denuncia del consigliere regionale della Lega, Andrea Liverani, sulle condizioni del pronto soccorso di Faenza. «Oltre 7 milioni di euro spesi per la ristrutturazione – si legge nel comunicato della Lega – una grande apertura con tanto di inaugurazione in piena campagna elettorale di Bonaccini e dopo una normale giornata di pioggia i locali sono allagati».

Il consigliere regionale della Lega chiede risposte

«Il pronto soccorso faentino, inaugurato a novembre, è di servizio a una popolazione di circa 100mila persone, ma – ricorda Andrea Liverani – diversi locali sono ancora inutilizzati e ci è stato segnalata la presenza quasi quotidiana di elettricisti e idraulici alle prese con interventi continuativi per sopperire alle falle di una ristrutturazione molto costosa e che i fatti testimoniano come sia lacunosa. Oggi, ne abbiamo conferma – aggiunge Liverani – una normale pioggia primaverile ha allagato la struttura mettendo a repentaglio la salute degli utenti e dei sanitari. Bonaccini, il sindaco Malpezzi e il Pd dove sono? Perchè non si fanno voce dei cittadini? A ognuno le proprie responsabilità: sono loro che governano, la Lega non si sarebbe nascosta» – conclude il consigliere.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.