Isia Faenza, il Miur annulla il bando: “Palese conflitto d’interessi”

Un «palese conflitto di interessi», in cui le figure di esaminatore e candidato coincidono: per questo motivo è stata annullata la graduatoria del bando, pubblicato nel settembre scorso, per un posto di insegnante di “Antropologia culturale” presso l’Isia (Istituto superiore per le industrie artistiche) di Faenza. A comunicarlo è il Miur, il ministero dell’Istruzione, intervenuto sulla vicenda il 10 ottobre 2017 dopo una segnalazione e che «sta prendendo provvedimenti in merito all’accaduto». Il fatto è rimbalzato sulle cronache nazionali: la vicenda è quella della direttrice dell’Isia Faenza, Marinella Paderni, che, presidente della commissione esaminatrice per assegnare la cattedra di “Antropologia culturale”, è risultata prima in graduatoria e ha dunque vinto l’insegnamento annuale.

Isia Faenza: annullato l’esito del bando

Tornano nuovamente sotto i riflettori le modalità di selezione all’interno dell’università e dell’alta formazione italiana, dove sono emersi nei mesi scorsi casi di “baronie” e concorsi per cattedre d’insegnamento truccati. Un “malcostume” arrivato anche a Faenza: nella graduatoria finale, pubblicata il 25 settembre 2017, la direttrice dell’Isia Marinella Paderni – arrivata alla direzione dell’istituto faentino nel novembre 2016 – è risultata vincitrice, su tre candidati idonei, della cattedra annuale di “Antropologia culturale”. Come recita il decreto di annullamento pubblicato sul sito dell’Isia, a fare reclamo per il conflitto d’interessi è stata la seconda candidata arrivata in graduatoria, Alessandra Castellani. Come è possibile infatti vincere un concorso in cui partecipa anche il presidente della commissione giudicante?

Valeria Fedeli: “Evidente l’irregolarità, prenderemo provvedimenti”

«Sul caso specifico – spiega la Ministra Valeria Fedeli – siamo intervenuti tempestivamente. Dalle prime verifiche, in attesa di tutta la documentazione, appare comunque evidente – aggiunge Fedeli – l’ irregolarità di una procedura e di un atto con palesi conflitti di interesse». L’intervento minimo non potrà quindi che essere quello dell’annullamento della graduatoria. A seguito di ulteriori approfondimenti sarà poi possibile un intervento di natura disciplinare.

Nel frattempo è stato pubblicato sul sito dell’Isia decreto di annullamento firmato dalla stessa direttrice dell’istituto in cui si rimarca la volontà di «assicurare la piena trasparenza delle procedure di selezione per l’individuazione dei docenti» di Isia Faenza. «Non vogliamo nessuna ombra – sottolinea la Ministra -. Le nostre, Isia di Faenza compreso, sono istituzioni educative e di alta formazione. Non possiamo permettere che permanga il minimo dubbio sulle modalità con cui si accede ai contratti e, dunque, all’insegnamento. Proprio per questo il Ministero si è subito mosso e sta già prendendo i dovuti provvedimenti».

4 pensieri riguardo “Isia Faenza, il Miur annulla il bando: “Palese conflitto d’interessi”

  • 16 ottobre 2017 in 10:35
    Permalink

    Prima di scagliare delle accuse così gravi leggetevi i regolamenti e informatevi sui fatti, sul sistema delle isia ed il rapporto che queste hanno con il ministero. poi scrivete gli articoli. Buon senso un paio di p***e.

    Risposta
  • 16 ottobre 2017 in 10:56
    Permalink

    Buongiorno XXX,
    l’articolo e la notizia pubblicata da noi e da molte altre testate nazionali e locali deriva da un comunicato stampa emesso direttamente dal MIUR e veicolato ANSA (http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2017/10/15/miur-annulla-graduatoria-isia-faenza_6e4a9735-9b1f-48db-ae09-ab853c0a681f.html).
    Come può leggere sia nel nostro articolo che nell’ANSA, ciò che riportiamo tra virgolette non è un pensiero della redazione ma del Ministro Fedeli, infatti, in questo momento, ci siamo volutamente astenuti dal giudicare la situazione in oggetto nell’attesa, come sottolinea lo stesso decreto di annullamento pubblicato sul sito ISIA, di mettere in luce i fatti e verificarne la trasparenza. Se le indagini interne riveleranno nuovi aspetti sarà nostro piacere darne la più ampia diffusione.
    Saluti. La redazione

    Risposta
  • 16 ottobre 2017 in 11:35
    Permalink

    In effetti bastava leggere il regolamento di selezione e si sarebbe evitato questo flame che né l’ISIA di Faenza né Marinella Paderni meritano. Così come il MIUR potrebbe evitare gaffe di questo genere rinnovando il rappresentante delle ISIA presso di loro… così saprebbero della commissione selezionatrice esterna, ad esempio.
    Purtroppo per chi ha presente cosa sia l’ISIA e quanto impegno gli stessi studenti abbiano profuso negli anni per renderla sempre migliore questi articoli risultano insultanti, dal Carlino ce li aspettiamo, da BuonSenso no!

    Risposta
    • 16 ottobre 2017 in 12:33
      Permalink

      Buongiorno Federica,
      in ambito giornalistico per pubblicare una notizia si parla di autorevolezza delle fonti. Riguardo questa vicenda, domenica mattina (15/10/2017) è apparso sul sito de La Stampa l’articolo che descriveva l’accaduto. Sebbene La Stampa sia un quotidiano di una certa autorevolezza abbiamo comunque scelto di non procede ad alcuna pubblicazione, per via del fatto che conosciamo la serietà e la professionalità di ISIA al riguardo,attendendo una presa di posizione dell’Istituto stesso. Nel tardo pomeriggio siamo venuti a conoscenza dell’ANSA pubblicata dal MIUR e tutti i giornali locali, telegiornali nazionali ne hanno dato notizia. Ora, un comunicato stampa del MIUR è una chiara presa di posizione sulla vicenda, una notizia che non possiamo non dare. Dati questi elementi abbiamo scelto di uscire in tarda serata, in linea con altre testate. Non farlo, sarebbe stato ingiusto nei confronti dei nostri lettori e di coloro che devono venire a conoscenza dell’accaduto. Fermarsi adesso, sarebbe sicuramente contro “BuonSenso” ed è proprio per questo che abbiamo già preso contatti interni con cui verificheremo e approfondiremo la questione.
      Saluti,
      Francesco Ghini

      Risposta

Rispondi