Business match program: 8 startup dall’Emilia-Romagna in Silicon Valley

C’è chi realizza droni a uso professionale e chi produce ozono per l’agricoltura e la medicina. Ma anche produttori di sistemi per il controllo a distanza di impianti o per la marcatura e codifica nel packaging, nonché soluzioni tecnologiche per il trasferimento automatico delle informazioni tra macchine senza l’intervento umano o super stampanti. Sono alcuni dei settori produttivi in cui operano otto Pmi, tecnologiche e innovative, dell’Emilia-Romagna che partiranno, lunedì 16 ottobre 2017, alla volta della Silicon Valley. Negli Stati Uniti andranno Pmi della provincia di Ravenna (3 imprese), di Modena (2 imprese), di Bologna, Ferrara e di Piacenza. Le otto aziende, selezionate grazie al bando “Business match program in Silicon Valley”, staranno in California fino al 20 ottobre, per partecipare a un programma intensivo che include formazione, incontri con investitori, incontri b2b e presentazioni a venture capitalist e investitori corporate, ma anche con l’opportunità di incontrare possibili partners o buyers.

In Silicon Valley 3 startup dalla provincia di Ravenna

Nel dettaglio le imprese selezionate sono: Met di San Lazzaro di Savena (Bo) che si occupa di apparecchiature generatrici di ozono per applicazione nel settore agroalimentare e medicale; Italdron di Ravenna che produce droni professionali; Xeo4 di Piacenza che opera nel campo della comunication M2M (machine to machine) e realizza soluzioni per il telecontrollo e monitoraggio di impianti remoti; Innetec di Ravenna impegnata nella gestione stampa, scansione e monitoraggio dei flussi documentali; Glassup di Modena impegnata nella realtà aumentata e smart glass; Complanet di Ravenna che opera nel campo della comunication M2M (Machine to machine) tra smart object e sensori; Topjet di Fiorano Modenese (Mo) attiva nelle soluzioni industriali di marcatura e codifica; weAR di Ferrara che si occupa di realtà aumentata e di soluzioni di location intelligence.

Il progetto di Aster

La Regione, a partire dal 2015, ha avviato attività di internazionalizzazione del sistema produttivo, formativo e innovativo attraverso un’attività diretta in assenza di presidi nazionali, affidando ad Aster – società consortile dell’Emilia-Romagna per l’innovazione e il trasferimento tecnologico al servizio delle imprese, delle università e del territorio – la gestione di tutti i progetti concentrati prevalentemente sulle startup hi-tech e sugli incubatori. Quest’anno ha previsto di ampliare le attività per coinvolgere via via tutto il sistema innovativo regionale, a partire dalle imprese maggiormente innovative col programma “Business match per Pmi in Silicon Valley”, con l’obiettivo di creare per le Pmi opportunità di affari preparandole alla globalizzazione ma anche contribuire a diffondere il modello del Silicon Valley mindset in Emilia-Romagna.

Rispondi