Donare borse porta-drenaggio ai malati oncologici: il progetto di solidarietà nato da Ior e Dress Again

Colorate, solidali e portatrici di speranza: sono queste le caratteristiche delle borse-drenaggio nate da una speciale iniziativa di solidarietà che vede tra i suoi protagonisti anche il negozio-laboratorio faentino di ‘Dress Again’, progetto dell’ass. Farsi Prossimo che dà una seconda chance ai vestiti e, allo stesso tempo, un’opportunità di integrazione alle persone svantaggiate. L’obiettivo: donare una borsa porta-drenaggio, denominata “Be Kind Bag”, a ogni degente ricoverato nel reparto di Chirurgia e Terapie Oncologiche di Forlì che ne avrà necessità.

L’idea della volontaria Ior, la faentina Michela Fabbri

Lunedì 19 ottobre è stato presentato, presso l’Ospedale Pierantoni-Morgagni di Forlì, il nuovo progetto dello Ior, Istituto Oncologico Romagnolo: un’idea nata grazie all’entusiasmo di una sua volontaria di Faenza, Michela Fabbri, in collaborazione con “Dress Again”, progetto di Farsi Prossimo che dà una seconda chance ai vestiti e un’opportunità di integrazione alle persone svantaggiate. L’obiettivo: donare una borsa porta-drenaggio, denominata “Be Kind Bag”, a ogni degente ricoverato presso l’Unità Operativa di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate di Forlì che ne avrà necessità. Un’idea nata proprio dall’esperienza personale di Michela, vissuta come figlia di un malato oncologico costretto a sottoporsi ad intervento chirurgico, come ha spiegato lei stessa: «Il mio desiderio è quello di infondere coraggio e dare dignità e colore a tutti quei pazienti costretti a convivere, per un certo periodo, con i drenaggi. Ho vissuto personalmente l’effetto benefico di una semplice bag colorata, ricordo dei miei tanti viaggi, sullo stato d’animo di mio padre. Così ho deciso di offrire il mio aiuto al prof. Ercolani e ad una equipe che, con grande umanità, si è presa cura di un mio affetto nel momento del bisogno. Lavorare in squadra fa sempre la differenza. Mia madre ha dato forma alla mia idea e vita alle prime borse porta-drenaggio, realizzate a mano con scampoli di stoffe generosamente donati. Queste “borse gentili” colorate si prenderanno cura dei pazienti sottoposti a intervento chirurgico, trasmettendogli anche la forza di persone che avranno pensato a loro con amore, pur non conoscendoli, e ricordando loro come questa disavventura sia in realtà solo una fase passeggera. A me sta molto a cuore la dignità dei malati oncologici: è importante che sentano di non essere soli. Mi auguro che questo piccolo gesto possa motivarli ad avere coraggio e speranza e dare colore alla loro vita, in ogni senso».

Dress Again: il negozio-laboratorio che dà una 2^ opportunità

«Quando ci è stata illustrata da Michela l’idea di ‘Be Kind Bag’ – ha spiegato Chiara Resta, responsabile di “Dress Again”, progetto nato dalla collaborazione con la Caritas diocesana di Faenza-Modigliana – l’abbiamo subito appoggiata con tutto l’entusiasmo che contraddistingue le nostre sarte e volontarie, di fronte a una nuova sfida che consente di dare sostegno a persone che sono in difficoltà. Poter lavorare per riportare dignità e un sorriso alle persone è il nostro obiettivo, poterlo fare in collaborazione con le altre associazioni è una grande gioia: perché uniti come ago e filo la trama del tessuto diventa sempre più forte per sostenere le difficoltà dell’altro. Ecco perché abbiamo sposato questa causa mettendo a disposizione di ‘Be Kind Bag’ le nostre macchine da cucire e il locale del nostro negozio, dove le volontarie di “Dress Again” si trovano una volta a settimana per confezionare le borse. Fino ad ora abbiamo proceduto con ciò che avevamo a disposizione, ma la raccolta fondi dello Ior ci consentirà di poter utilizzare nuovo materiale per realizzare ancora più borse».

La raccolta fondi dello Ior sul portale insiemeachicura

Ma l’impegno dell’Istituto Oncologico Romagnolo a favore di chi soffre non si esaurisce qui. Aumentare l’impatto e l’utilizzo della più innovativa robotica nella cura dei pazienti per una medicina più “umana”, che prenda ancora in maggior considerazione la qualità di vita di chi è costretto a sottoporsi ad intervento. Sembra un paradosso ma in realtà è proprio questo il senso dell’iniziativa “Be Kind Project”, crowdfunding lanciato dall’Istituto Oncologico Romagnolo a vantaggio della Unità Operativa di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate dell’Ospedale “Morgagni-Pierantoni” di Forlì: un reparto d’eccellenza riconosciuto non solo a livello nazionale diretto dal prof. Giorgio Ercolani.

A questo scopo lo Ior ha messo a disposizione il suo portale gratuito di raccolta fondi www.insiemeachicura.it: da lunedì 19 ottobre fino almeno a fine anno chiunque potrà sostenere la campagna donando direttamente online. Al termine dell’iniziativa il contributo verrà interamente utilizzato a sostegno della borsa di studio del dott. Leonardo Solaini,figura professionale dedicata ad indagare quali siano gli ambiti in cui l’impiego della tecnologia robotica vada a migliorare effettivamente l’outcome clinico dei pazienti. In questo modo l’innovazione in campo chirurgico verrà impiegata per preservare non solo l’aspettativa, ma anche la qualità di vita di un numero sempre maggiore di malati, che potranno così beneficiare di operazioni mini-invasive.

«Sappiamo come subire un intervento demolitivo impatti in maniera decisa sul proseguo dell’esistenza di una persona – ha spiegato il direttore generale Ior, Fabrizio Miserocchi, nel corso della cerimonia di presentazione dell’iniziativa – portando spesso a perdere la propria indipendenza. Inoltre, recuperare da questo tipo di operazioni richiede degenze più dolorose e più lunghe. L’utilizzo delle nuove tecnologie permette al paziente di soffrire meno nell’immediato, grazie ad una maggior precisione nel taglio chirurgico; e garantisce di poter tornare prima a casa e alla vita di tutti i giorni. La borsa di studio per il dott. Leonardo Solaini si inscrive d’altronde in una tradizione Ior, che è quella di sostenere la carriera dei giovani più promettenti, coloro che diventeranno in futuro i nuovi protagonisti della cura della persona in difficoltà in generale. Dal 1979 sono stati ben 236 i professionisti formati con stage e corsi in Italia e all’estero sostenuti dallo IOR: la maggior parte di questi oggi sono eccellenze della lotta contro il cancro, dunque crediamo fortemente in questo tipo di percorsi».

Il ringraziamento a Dress Again da parte dello Ior

 «Ci tengo a ringraziare tutti i soggetti coinvolti in questa bella iniziativa – queste le parole del prof. Giorgio Ercolani – in primis Michela Fabbri, per l’idea che ha avuto ma anche per la pazienza dimostrata nel corso delle settimane in cui abbiamo gestito la patologia di suo padre. In secondo luogo un grazie di cuore va a Istituto Oncologico Romagnolo e “Dress Again”: ho sempre visto le bags utilizzate per le donne operate in campo senologico, ma devo ammettere che ampliare il discorso delle borse porta-drenaggio anche per la chirurgia generale si dimostrerà un valore aggiunto per il nostro reparto. Ritengo fondamentale l’apporto delle organizzazioni no-profit per le strutture pubbliche: non sempre noi medici riusciamo a intercettare e comprendere tutte quelle che sono le esigenze dei pazienti, la collaborazione con il mondo del volontariato ci aiuta a gestire e coniugare nel migliore dei modi necessità cliniche e personali del malato. In questo primo anno il dott. Solaini ha portato avanti non solo un notevole lavoro dal punto di vista assistenziale: il contributo che ci ha offerto in termini di ricerca nelle applicazioni della robotica per quel che concerne il trattamento di patologie come i tumori del colon-retto si rivelerà molto preziosa. Ringrazio quindi, per terminare, tutti coloro che parteciperanno a questa raccolta fondi organizzata dallo Ior per permetterci di continuare ad indagare come l’impiego di queste nuove tecnologie possa migliorare outcome e qualità di vita dei nostri pazienti».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.