IxC interroga il sindaco sulla situazione delle prestazioni sanitarie rimandate causa Covid

La richiesta di un quadro certo sulle prestazioni sanitarie rimandate a Faenza a causa dalla pandemia: a chiederla è la lista civica Insieme per Cambiare. Considerando che nei primi tre mesi dell’epidemia da Coronavirus tutte le strutture sanitarie, siano esse ospedaliere o ambulatoriali, hanno sospeso le attività ordinarie che potevano essere posticipate senza causare gravi rischi ai pazienti al fine di alleggerire il carico di lavoro sugli operatori sanitari e di ridurre il rischio di contagio; nel corso del consiglio comunale previsto giovedì 25 giugno 2020 la lista civica Insieme per Cambiare interrogherà il sindaco e gli assessori competenti «per chiedere a quale totale ammonta, ad oggi, il numero di richieste di prestazioni sanitarie non evase» a cause del blocco imposto dalle misure relative al Coronavirus.

Il punto sulla situazione dell’ospedale di Faenza

Inoltre si chiede al sindaco «se, e in che misura, l’Ausl competente per il presidio ospedaliero di Faenza abbia ripreso la programmazione delle attività sanitarie sin qui sospese; se, e in che modo, l’Amministrazione comunale ha ipotizzato, d’accordo con la dirigenza sanitaria competente, qualche soluzione per recuperare il lavoro sospeso; se, e in che modo, le strutture sanitarie faentine, siano esse dei presidi ospedaliere o ambulatoriali, abbiano tutte adeguato la programmazione dei servizi tenendo conto delle nuove esigenze legate all’emergenza sanitari da Covid-19».

Insieme per Cambiare ringrazia gli operatori sociosanitari

«In ultimo, pensando di raccogliere l’adesione di ogni parte del presente Consiglio Comunale – conclude la nota di Insieme per Cambiare – reputiamo doveroso porgere, a nome della città di Faenza, il più sentito ringraziamento a tutto il personale di ogni struttura sanitaria e sociosanitaria presente nel territorio faentino; al fine di ribadire loro la nostra vicinanza umana di fronte all’esemplare svolgimento delle mansioni di cura e tutela della salute pubblica da loro poste in essere».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.