Gemellaggi: il gruppo San Salvador delle Alpi Sveve di Schwäbisch Gmünd alla scoperta di Faenza e del territorio

Quattro giorni alla scoperta delle bellezze del territorio e del folklore faentino per trenta “gemelli tedeschi”. Un fitto calendario di visite ed incontri organizzato dall’Associazione per i Gemellaggi con il Comune di Faenza, al fine di far conoscere le bellezze del territorio e soprattutto la storia e la cultura locali. Il tour è iniziato il 10 maggio e si concluderà 13 maggio con la Cerimonia della donazione dei ceri.

 

Con l’Associazione per i Gemellaggi alla scoperta della provincia ravennate

A coordinare la visita degli ospiti di San Salvador delle Alpi Sveve e accompagnarli nel loro itinerario saranno tre soci dell’Associazione: Carla Benedetti, Heide Wilm e Mario Palli. L’obiettivo è quello di affermare il concetto di gemellaggio come unione di comunità, puntando in questa occasione anche alla valorizzazione non solo di Faenza e dei suoi dintorni ma di tutto il territorio della provincia fino a Cervia. I trenta visitatori saranno guidati in questo itinerario da Marianne Teufer, da sempre impegnata nella valorizzazione del gemellaggio tra le due città. Il gruppo ha inaugurato il tour romagnolo lo scorso 10 maggio con un’escursione nella Vena del Gesso sul sentiero degli “abissi” e una visita al Rione Verde restaurato, proseguendo poi con un’escursione al Santuario Francescano di La Verna l’11 maggio.  Il 12 maggio sarà la volta di Ravenna con i suoi mosaici e mausolei, la tomba di Dante Alighieri e la chiesa di S. Apollinare Nuova. Sempre nel corso della stessa giornata, tappa anche a Russi per una visita alla Chiesa della Madonna dei Sette Dolori ed un incontro con Elio Pezzi.

 

I tedeschi presenti alla cerimonia di apertura degli eventi del Niballo

La giornata di sabato 13 maggio sarà invece la più itinerante: al mattino visita alla Pieve Tho, per spostarsi poi a Cervia dove ad attendere i turisti sarà un’escursione in barca nelle saline: dalla collina al mare, assaporando il fascino di un territorio che offre panorami completamente diversi nell’arco di pochi chilometri. Nel tardo pomeriggio, sarà invece il turno di un incontro istituzionale nella Sala Rossa della residenza municipale alla presenza dell’assessore Simona Sangiorgi, per proseguire poi alle ore 18.00 con la Cerimonia della Donazione dei Ceri alla Madonna delle Grazie. Anche il gruppo tedesco organizza sul proprio territorio un evento legato alle rievocazioni storiche chiamato Staufersaga e tempo fa aveva già visitato Faenza con i propri sbandieratori e un gruppo dedicato a Federico Barbarossa: quale migliore occasione per introdurli alla rievocazione storica faentina per eccellenza, se non facendoli partecipare alla prima delle celebrazioni in calendario per il Niballo.

Rispondi