Fridays for future: giovanissimi in piazza il 15 marzo anche a Faenza e Castel Bolognese

Anche a Faenza e Castel Bolognese si espande la protesta studentesca contro il riscaldamento globale, sull’esempio di Greta Thunberg, giovanissima ambientalista svedese. Dopo i Fridays for future, i venerdì di protesta, il 15 marzo 2019 in tutto il mondo ci sarà lo sciopero globale per il clima (#climatestrike): i giovani scenderanno in piazza a protestare contro l’inerzia dei governanti per fermare i cambiamenti climatici. Come scrive Legambiente Faenza «universitari e liceali, ragazzi delle medie, ma anche i piccoli delle elementari, genitori, insegnanti, giovani e meno giovani, con cartelli e striscioni, manifesteranno assieme».

Fridays for future: lo sciopero per il clima in piazza del Popolo a Faenza

A Faenza la manifestazione (patrocinata dal Comune) avrà luogo in piazza del Popolo: dalle 9 alle 11 ci sarà un laboratorio aperto a tutti quelli che vogliono partecipare, per dipingere cartelli e striscioni sul rispetto della Terra. Alle ore 11, raduno dei giovani e inizio della manifestazione, con cartelli e striscioni. La mattinata proseguirà con letture e interventi a tema, sia da parte di esperti adulti sia da parte dei giovanissimi. Ci sarà anche un breve stacco teatrale sul tema riscaldamento globale. Hanno confermato la presenza la Consulta dei ragazzi e delle ragazze del Comune di Faenza, con l’assessore all’Istruzione e Politche giovanili Simona Sangiorgi e molte classi primarie e medie con i loro insegnanti. Alcune classi verranno addirittura da fuori Faenza. I ragazzi delle scuole superiori si stanno organizzando per partecipare.

#Climatestrike: gli eventi a Castel Bolognese

A Castel Bolognese sono previste varie iniziatve con il sostegno e la partecipazione del Piedibus e dell’Associazione genitori Castel Bolognese, sia da parte delle primarie, sia da parte delle medie che scenderanno in piazza e saranno ricevuti in Consiglio comunale alle 11. «Dite di amare i vostri figli sopra ogni cosa, invece gli state rubando il futuro» disse Greta ai governanti di tutto il mondo, riunit a Katoiice, in Polonia, nel dicembre 2018. I giovani chiedono ai governanti di ascoltare i moniti degli scienziati e cambiare rotta. La concentrazione di anidride carbonica ha superato la media di 410 par per milione (ppm) il livello più alto in almeno 800mila anni e non fa che aumentare. Gli scienziati ritengono che il mondo non abbia mai vissuto un aumento dei livelli di Co
così veloce e intenso come questo, e che ci restano 12 anni prima di superare i fatdici 1,5 gradi, con cambiamenti in tutto l’ecosistema totalmente irreversibili. «Il riscaldamento globale ci riguarda tutti – conclude Legambiente – per questo la citadinanza è invitata a partecipare, dando sostegno ai ragazzi che manifestano». Per info: Friday for future Faenza pagina facebook

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.