Faenza Lotta, 3 atleti sul podio ai Campionati italiani 2017

Quattro finali, un campione italiano, due atleti saliti sul podio al secondo e terzo posto nazionale: è questo il bilancio del Faenza Lotta ai Campionati italiani assoluti che si sono svolti domenica 4 marzo 2017 a Lido di Ostia. I lottatori della palestra Lucchesi continuano a regalare titoli e primati alla città di Faenza e su tutti spicca la riconferma, dopo il successo dell’anno scorso, di Erion Garxenaj come campione italiano assoluto di lotta greco romana nella categoria 80 kg. Il bis è arrivato con la vittoria in finale su Matteo Maffezzoli (Portuali Savona Lotta).

Si conferma del Faenza Lotta il campione italiano 80 kg

vittoria lottaDall’Albania all’Italia all’età di undici anni. Erion, classe 1986, arriva bambino a Faenza e nel giro di pochi anni legherà il suo nome alla Palestra Lucchesi, luogo che ha formato diversi medagliati olimpici e tanti atleti che hanno conquistato titoli in giro per l’Italia e nel mondo. «Ho conosciuto la lotta tramite dei miei amici che già la praticavano e che mi hanno chiesto di provare – racconta Erion Garxenaj – Avevo quattordici anni, e mi sono innamorato di questo sport e continua ad appassionarmi anche ora che ne ho trenta». Per lui si tratta di una riconferma ai vertici della lotta nazionale, anche se a 30 anni il suo sguardo è già rivolto al futuro e alla possibilità di diventare allenatore nella palestra stessa.

Da segnalare anche i buoni risultati di altri lottatori di Faenza Lotta: è sfuggito per un soffio il titolo per Valeriu Rusu, secondo posto nella categoria 71 kg; mentre Nicola Menghetti ottiene un buon terzo posto nella categoria 59 kg. Quinto classificato invece Marco Tabanelli nella categoria 75 kg.

Ennesimi successi per Minguzzi e Timoncini

La classe non ha età. Lido di Ostia ha visto la partecipazione di due olimpionici che hanno legato il loro nome a Faenza e alla sua palestra: Andrea Minguzzi e Daigoro Timoncini. Entrambi sono risultati vincitori delle rispettive categorie: Minguzzi nei 98 kg e Timoncini nei 130 kg. Un oro che potrebbe essere l’ultimo di una carriera ricca di successi per Daigoro Timoncini, dopo le tre partecipazioni alle Olimpiadi e gli undici titoli nazionali conquistati. «Voglio lasciare spazio ai giovani – ha affermato l’atleta dei Carabinieri – mi piacerebbe trasmettere a loro la mia esperienza, anche se nei prossimi mesi continuerò ad allenarmi».

Foto: Emanuele di Feliciantonio 

Rispondi