Faentino lontano e sotto la Torre: domenica 25 la premiazione

Un’occasione per ricordare e premiare faentini che si sono distinti per il loro valore. Si terrà domenica 25 giugno la premiazione dei due titoli Faentino lontano e Faentino sotto la Torre. La manifestazione si aprirà con una messa, alle ore 9, nella Basilica Cattedrale, celebrata dal vescovo della Diocesi di Faenza-Modigliana Mario Toso, poi alle 10, al teatro Masini, il sindaco Giovanni Malpezzi consegnerà le prestigiose onorificenze di Faentino Lontano e Faentino sotto la Torre 2017 ad Antonio Rossini e a Francesca Goni, individuati già nei mesi scorsi dall’amministrazione comunale su proposta dell’apposito Comitato.

Per l’occasione la consegna del Premio Rotary per l’ambiente

Per la prima volta il premio di Faentino Lontano sarà consegnato alla memoria, per Antonio Rossini, deceduto lo scorso anno, sarà infatti la moglie Maria Pia a ritirare la prestigiosa onorificenza.
Nel corso della manifestazione, inoltre, il Rotary Club Faenza premierà il vincitore del primo Premio Rotary per l’ambiente, un riconoscimento tangibile – 1.000 euro – per chi si è impegnato per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente cittadino (creazione e manutenzione di aree verdi, cura e pulizia di spazi pubblici, piccole riparazioni e iniziative per il decoro della città). La giornata si concluderà con un aperitivo d’onore per i premiati e per tutti i faentini lontani nel salone delle Bandiere di Palazzo Manfredi.

Antonio Rossini: la memoria di un Faentino lontano

Antonio Rossini, Faentino Lontano 2017, nato a Faenza il 9 ottobre 1931 e deceduto a Sesto San giovanni il 16 settembre 2016, nel corso della sua vita lavorativa ha ricoperto importanti posizioni lavorative nel settore siderurgico nazionale. E’ stato vicepresidente dell’Unsider (Ente Nazionale di Unificazione Siderurgica), presidente dell’ACCam (Consorzio di Comuni dell’Alto Milanese e del Basso Varesotto per lo Smaltimento e la termovalorizzazione dei rifiuti) e ha vantato una lunga collaborazione con il Politecnico di Milano come assistente collaboratore esterno al Corso di Tecnologia dei metalli e professore a contratto, nonchè membro del Consiglio di Facoltà con un corso autonomo di Tecnologie Siderurgiche, che lo ha portato ad essere tra i massimi esperti di tecnologia dei metalli in Italia.
Nell’ambito dell’attività universitaria ha scritto varie dispense inerenti argomenti svolti durante l’insegnamento, oltre alla stesura del testo ufficiale del corso di Tecnologia dei metalli. Ha svolto anche incarichi di fiducia per conto dell‘Associazione Industriale Lombarda nel campo della formazione e dell’orientamento professionale. Molto legato alla sua città d’origine, è stato membro in rappresentanza di tutti i Faentini Lontani del Comitato che assegna ogni anno l’ onorificenza. Orgoglioso delle proprie radici ha presenziato a tutte le cerimonie che si tengono ogni anno presso il Teatro Masini l’ultima domenica di giugno.

Francesca Goni: Faentina sotto la Torre

Francesca Goni, è invece il Faentino sotto la Torre per l’anno 2017. Nata a Faenza il 29 settembre 1947. Rimasta orfana di padre a soli 5 anni, a 13 ha iniziato ad aiutare la madre nella sua attività di parrucchiera durante le ore libere da scuola. Il primo gennaio 1967 ha trovato lavoro presso Enel, dove è rimasta fino al 2003. Pur lavorando con grande impegno ed entusiasmo, non ha mai cessato di occuparsi della sua famiglia, rinunciando anche a sviluppi della carriera, in quanto non le avrebbero permesso di farsi carico degli anziani genitori.

Una volta in pensione, Francesca si è dedicata con grande passione al volontariato, iniziando presso l‘associazione Anse (Associazione nazionale Senior Enel) come rappresentante del Direttivo provinciale di Ravenna e componente del Direttivo Territoriale Regionale Emilia Romagna. Nel 2011 è stata insignita della Stella al Merito del Lavoro che comporta il titolo di “Maestra del Lavoro” e la cui decorazione è conferita con Decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministero del lavoro e della Previdenza sociale e concessa a chi si è particolarmente distinto per meriti di perizia, laboriosità e buona condotta morale. Dal 2013 al 2015 ha ricoperto il ruolo di Vice Console provinciale di Ravenna della Federazione dei Maestri del Lavoro d’Italia, divenendone poi Console Provinciale nel 2016. Nel 2015 l’associazione ANLA-Onlus l’ha designata Fiduciaria per la Provincia di Ravenna. In queste associazioni di volontariato si è distinta per il grande impegno a favore delle attività sociali, culturali, ricreative, ponendo sempre una grande attenzione alle nuove generazioni e alle persone anziane.

Rispondi