Nel weekend si “Fa’ Festa alla Fiera di Faenza”

Alla Fiera di Faenza la parola d’ordine del fine-settimana sarà il divertimento: in programma sabato 19 e domenica 20 novembre due interi giorni dedicati a grandi e piccini, per giocare ballare e mangiare. L’appuntamento è quello di “Fa’ Festa alla Fiera di Faenza”. Attività di giocoleria, balli e prodotti tipici italiani scandiranno la due giorni con tanti appuntamenti rivolti a tutte le età.

Sabato 19 si balla con i “Bon e i Strapazon”

I Bon e i Strapazon
I Bon e i Strapazon

Si comincia sabato 19, dalle ore 15 per tutto il giorno con stand con prodotti tipici e punti ristoro golosi per tutti i gusti: si visita la Romagna con la piada, tutti i piatti della tradizione e la birra artigianale, l’Umbria, il Sud Tirolo, la Puglia con i formaggi e i salumi, la liquirizia dalla Calabria, i dolci e la frutta fresca dalla Sicilia, immancabili i ‘cibi della festa’ come le gauffres, i bomboloni, il croccante, lo zucchero filato, il vin brulè e le castagne. Novità dell’evento: il panino con la carne di bufalo. Dalle ore 20 la cena con i sei suonatori de “I Bon e i Strapazon” che spaziano fra tutto il repertorio folkloristico romagnolo ed eseguiranno brani da Secondo Casadei a Romolo Zanzi, da Ferrer Rossi a Tiberio Marani, da Delvolto Argelli fino a Vittorio Borghesi e tanti altri. Un repertorio che ripesca dalle origini e che offre passi più articolati da ballare.

Si tratta della prima uscita ufficiale della formazione composta da: sax e canto Roberto Rufflli, violino Claudio Bruciaferri, clarinetto in Do e Sax Ivan Bolognesi, fisarmonica e Clarino in Si e Clarinetto in Do Adealdo Baldassari, chitarra Gianpiero Bocchini, contrabbasso Gianluca Fabbri. Il nome di “I Bon e i Strapazon” è stato ricavato da un libro del compositore e musicologo ravennate Francesco Balilla Pratella nel quale egli definiva i musicisti da strada di due categorie: i Bòn coloro che avevano qualche nozione di musica e i Strapazòn coloro che eseguivano ad orecchio il repertorio. Insieme a loro ci sarà la scuola di ballo e l’esibizione del Gruppo Folk Italiano alla Casadei che per l’occasione insegnerà a tutti i primi passi del liscio: valzer, polke e mazurke.

I giochi di una volta in scena alla Fiera di Faenza

immagine_fafestaGiochi e magie in scena alla Fiera di Faenza domenica 20 novembre, dalle ore 10 alle 20. Fà Festa si dedica ai più piccoli con l’animazione degli Artisti di Strada de Il Teatro è Libertà. Il “Mago Pastrocchio” farà divertire a tutte le età, dalle ore 14, con uno spettacolo che alterna magia comica, giocoleria e clowneria, il pubblico non smette mai di stupirsi e divertirsi. I più piccoli possono scoprire e gli adulti ricordare i giochi di una volta, con il Ludobus che propone una raccolta con più di venti giochi costruiti in legno, di abilità e fortuna riprodotti sulla base dei veri giochi dei nostri nonni

Rispondi