Erasmus: 93 studenti e 55 docenti delle scuole superiori faentine in Europa

Il covid non ha arrestato la voglia di viaggiare dei ragazzi. Sono infatti 93 gli studenti e le studentesse delle scuole superiori di Ravenna, Rimini e Ferrara che hanno partecipato al progetto di mobilità europea Erasmus+ accompagnati da 55 docenti tra settembre e ottobre.

Le esperienze di studenti e docenti all’estero

I 55 docenti che hanno aderito al progetto hanno partecipato per una settimana a visite professionali, job shadowing e incontri di aggiornamento in Francia, Irlanda e Spagna, con un programma in linea con il “Piano Nazionale per la Formazione dei Docenti” rispetto a temi come l’internazionalizzazione, l’innovazione metodologico-didattica, la scuola digitale, l’alternanza scuola-lavoro, l’orientamento e accompagnamento al lavoro, attivando un utile confronto con i colleghi europei. I 93 studenti delle classi quinte di Licei e Istituti tecnici e professionali hanno svolto esperienze professionalizzanti con i partner europei in Francia, Germania, Spagna e Irlanda: non solo tirocini, ma progetti che, per tematiche e competenze acquisite, hanno accolto il focus della nuova programmazione Erasmus 2021-2027 su transizione digitale ed ecologica. Su questo ultimo aspetto è degno di nota il documentario di educazione ambientale per uno sviluppo sostenibile Greenful, realizzato dagli studenti dei licei, ospiti a Derry, Irlanda, registrato in lingua inglese per una fruibilità su piattaforme tematiche ed europee. In Francia è stata svolta una ricerca sulla nuova immigrazione a Parigi, in collaborazione con i Comités, con risultati di
interesse per il Ministero degli esteri, in Germania nel marketing turistico collegato ai social, in Spagna sono state realizzate 11 video-guide della città di Valencia mentre in Irlanda, la città di Derry è stata valorizzata grazie al
progetto di promozione culturale di due Istituti tecnico-economici. Tra chi ha svolto tirocini in azienda ci sono state anche offerte di lavoro, nel settore dell’ospitalità a Parigi e dell’ingegneria elettronica in Irlanda. I neodiplomati stanno svolgendo tirocini di 3 mesi in Irlanda.

Erasmus, scuole faentine

Mobilità Europea: formazione e aggiornamento

Un’iniziativa di mobilità formativa e aggiornamento professionale in Europa, rivolta a 93 studenti e 55 docenti e dirigenti scolastici provenienti da 25 scuole superiori di Ravenna, Rimini e Ferrara, attività che si sono si sono realizzate grazie alla 6° edizione del progetto “Io Penso Europeo”, ideato dal Centro Educazione all’Europa di Ravenna, Erasmus Vet Charter, con il contributo finanziario UE a valere sul Programma Erasmus+. 700 borse di studio o aggiornamento professionale, oltre 2 milioni di risorse in 7 anni grazie a Erasmus+ e ai partner territoriali. Accanto ad Educazione all’Europa c’è la Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche di Faenza, con una collaborazione che dura dal 2014 e che negli anni ha animato un vivace networking di scuole del territorio. A fianco della Fondazione anche La BCC ravennate forlivese e imolese e, per il territorio riminese, RomagnaBanca – Credito Cooperativo.

Erasmus, scuole faentine

“L’Erasmus una boccata d’aria dopo il lockdown”

“Aver svolto un’attività di mobilità europea per 150 persone, in un anno così difficile come è stato anche il 2021 per
la pandemia Covid, è un motivo di soddisfazione immensa, testimoniata con grande affetto da tutti i partecipanti per
i quali, per dirla con loro parole “l’Erasmus è stata una boccata di aria fresca dopo un anno e mezzo di lockdown” – spiega Carmen Olanda, Direttrice di Educazione all’Europa – Siamo certi che anche quest’anno i nostri studenti si sono distinti per impegno e capacità, producendo una serie incredibile di lavori: video, presentazioni, brochure. I ragazzi della ricerca sull’immigrazione sono stati ricevuti dalla Console Generale d’Italia a Parigi, Irene Castagnoli, a testimonianza della qualità del loro lavoro”. A questo aggiunge il presidente della Fondazione Dalle Fabbriche Edo Miserocchi : “Offrire ai giovani l’opportunità di misurarsi con imprese europee, rafforza il futuro delle nostre comunità qui in Italia, che proprio dai giovani possono ricevere una spinta verso una crescita e un’economia più sostenibili.”

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna e qui continuo a studiare Italianistica. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.