Mantenere la materna e costituire un tavolo di lavoro: le proposte di Davide Missiroli sul convento Emiliani

Quale futuro per il convento Emiliani di Fognano? Martedì scorso è approdata in consiglio comunale questa vicenda, che ha visto la chiusura di ogni attività svolta fino a ieri dalle sorelle domenicane del Santissimo Sacramento. Il convento Emiliani rappresenta un’istituzione imprescindibile per tutta la Vallata del Lamone, che per anni ha garantito servizi a bambini, famiglie, offrendo i propri ampi spazi anche per varie attività. Dopo la lettera aperta del sindaco, Massimiliano Pederzoli – che ha affermato come la giunta sia attiva per trovare soluzioni alternative, in particolare per quanto riguarda le sedi scolastiche – arrivano alcune proposte da parte dell’ex sindaco Davide Missiroli per trovare un modo per salvare il convento e conservare così il suo ruolo fondamentale all’interno della comunità brisighellese.

Un tavolo di lavoro che metta in sinergia Amministrazione, Curia e Regione

«Credo sia di fondamentale importanza – scrive Missiroli – unire tutte le forze per salvare il convento, la sua storia e il suo valore futuro. Propongo per questo due obiettivi concreti: mantenere la sezione di materna per l’anno 2020/2021 all’interno del convento ed eventualmente chiedere, pagando un affitto, di poter utilizzare alcuni spazi anche a favore delle scuole elementari di Fognano viste le difficoltà di spazio che potrebbero esserci a settembre derivanti dall’emergenza Covid-19». Inoltre, afferma Missiroli, «nell’anno di transizione costituire un tavolo di lavoro Amministrazione comunale, Curia e Regione Emilia-Romagna per progettare una soluzione solida e di lungo periodo che preveda una partnership pubblico-privata per il mantenimento di luogo di formazione ed educazione a livello universitario e di spazio idoneo per ritiri spirituali».

«Un’ultima sottolineatura di carattere istituzionale – conclude la nota di Missiroli – un sindaco non può paragonare la chiusura di un edificio commerciale come l’ex-Gufo alla chiusura di un’istituzione come il convento Emiliani. Un’istituzione formativa e culturale, un bene storico e architettonico che nel 2022 compirebbe 200 anni, non possono essere liquidati con semplicità scaricando le colpe a destra e manca. Dobbiamo lavorare tutti assieme per salvarlo senza distinzioni di parti per il bene di tutti»

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.