“Faenza al settimo cielo -Dante incontra San Pier Damiano”: Fatti d’Arte per il 700esimo dantesco

Le celebrazioni per i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta continuano. L’associazione culturale Fatti d’Arte propone infatti un evento digitale ed un’azione per le scuole ispirati allo stretto legame tra il Sommo Poeta e la città faentina.
Martedì 27 Aprile 2021 alle 18.30 avrà luogo una conferenza dal titolo “Da Faenza al settimo cielo – Dante incontra San Pier Damiano”. L’evento, a cura del prof. Stefano Drei, ex professore di italiano e latino al Liceo Classico Torricelli di Faenza e Francesco Sanchini, laureando in Culture e Tradizioni del Medio Evo e del Rinascimento presso l’Università di Ferrara, sarà trasmesso in diretta sula pagina facebook e sul canale youtube di Fatti d’Arte. L’associazione culturale propone anche un’iniziativa per le scuole: le box dantesche, dei piccoli kit per raccontare ai più giovani l’opera dantesca.

“Da Faenza al settimo cielo -Dante incontra San Pier Damiano”

Un evento pensato per approfondire il legame tra Dante e la nostra città. Faenza è stata definita “la più dantesca delle città romagnole dopo Ravenna” e la Romagna è certamente la regione italiana che Dante conosce meglio dopo la natia Toscana. Il Sommo molto probabilmente infatti passò anche per Faenza ed ebbe occasione di visitare la chiesa di Santa Maria Foris Portas, che custodiva la tomba di San Pier Damiano, morto nella nostra città due secoli prima e oggi sepolto presso il Duomo. Tra i protagonisti della cultura e della politica nel suo tempo, San Pier Damiano, nato a Ravenna, studente a Faenza e poi a Parma, eremita per vocazione, cardinale per forza, fu anche autore un nutrito numero di opere che spaziano dalla più ardita speculazione religiosa alla furiosa polemica contro il clero corrotto. Lo ritroviamo tra gli spiriti contemplativi del ventunesimo canto del Paradiso. Quando fu celebrato il sesto centenario dantesco, se ne approfittò per affiggere sulla facciata del Duomo un’epigrafe con alcuni versi che Dante gli aveva dedicato. Questo settimo centenario è un occasione per riparlarne, rileggendo il canto che Dante gli dedicò. Canto memorabile, caratterizzato da pirotecnici effetti luminosi, ma anche da improvvise esplosioni di violenza verbale.

Dante a scuola: le box culturali

La seconda azione proposta dall’associazione Fatti d’Arte sono le Box Dantesche, un vero e proprio kit culturale per raccontare ai più piccoli e alle più piccole Dante e la sua somma opera. Le box culturali sono state pensate per tre fasce d’età: scuola primaria, secondaria primo grado e secondaria secondo grado. Il contenuto della box varia a seconda della classe di riferimento, ma all’interno ci saranno: giochi danteschi letterari, il bignami da collezione della divina commedia creato ed editato dal Prof. Stefano Drei, origami abbinati ai versi più celebri di Inferno, Purgatorio, Paradiso, un fumetto dedicato a Dante e i faentini.

Come acquistare le box culturali

Compresa con l’acquisto delle box, una lezione digitale con alcuni attori dell’associazione Fatti d’arte e il professor Stefano Drei. Le Box verranno inviate agli insegnanti interessati previa prenotazione. Sarà necessario specificare classe di riferimento, numero di studenti ed eventuali necessità. Info e prenotazioni a info@fattidarteassociazione.it

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna e qui continuo a studiare Italianistica. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.