Curti: un nuovo contratto aziendale a sostegno di famiglie e ambiente

Incentivi all’utilizzo del congedo parentale e del “car pooling”, un Gruppo di lavoro dedicato all’efficienza, dove anche i rappresentanti dei lavoratori avranno voce in capitolo, un nutrizionista aziendale a disposizione dei dipendenti, sensibilizzazione contro il problema delle molestie e della violenza nei luoghi di lavoro. Sono queste le principali novità contenute nel nuovo contratto integrativo aziendale della Curti Costruzioni Meccaniche Spa di Castel Bolognese, siglato lo scorso 25 giugno 2018 fra proprietà, Rsu e organizzazioni sindacali, Fiom-Cgil, Fim-Cisl, Uilm-Uil Territoriali, con l’assistenza di Confindustria Romagna. Il contratto, con decorrenza dal 1° gennaio 2018 e valido fino al 31 dicembre 2020, riguarda circa 240 lavoratori fra addetti fissi e con contratto di somministrazione.

Un’azienda ‘family friendly’: agevolazioni per il congedo parentale

A fronte del costante calo delle nascite, Curti Costruzioni Meccaniche ha scelto di andare incontro alle esigenze di chi deve conciliare vita lavorativa e vita familiare e ha deciso di remunerare ancor meglio di quanto previsto dalla legge vigente il congedo parentale, che dà la possibilità alle mamme o ai papà di assentarsi dall’azienda. Il nuovo contratto prevede un’integrazione da parte dell’azienda della quota di trattamento economico, spettante per legge, pari al 30% dello stipendio percepito: il primo mese l’azienda aggiungerà alla quota base il 40% dello stipendio (il lavoratore percepirà dunque fino al 70% della retribuzione), il secondo mese il 25% (per un totale del 55% della retribuzione), il terzo mese il 10% (per un totale del 40%). Curti Costruzioni Meccaniche si conferma dunque un’azienda “family friendly”, vista anche la disponibilità con cui ormai da tempo valuta orari flessibili, a fronte di esigenze particolari del lavoratore.

Il nuovo accordo prevede incentivi per mobilità sostenibile e attenzione all’ambiente

Per permettere ai lavoratori di raggiungere il luogo di lavoro limitando l’inquinamento, il nuovo contratto incentiva il “car pooling” ovvero l’utilizzo di una sola auto per un gruppo di almeno quattro persone che compiono abitualmente lo stesso tragitto casa-lavoro. L’incentivo, attivato in via sperimentale per 12 mesi, prevede che per ogni viaggio il lavoratore o la lavoratrice che mette a disposizione la propria auto riceva un’indennità mensile lorda per ogni chilometro di percorrenza.

Anche i lavoratori discutono di efficienza: infatti per ogni azienda efficienza, produttività e competitività sono fattori fondamentali, così come per i lavoratori lo sono le condizioni di lavoro. Un punto di incontro e confronto bilaterale sarà il nuovo Gruppo di lavoro “efficienza”, che riunirà a cadenza periodica i rappresentanti dell’azienda e dei lavoratori. Ne faranno parte fino a cinque incaricati della società Curti e fino a cinque componenti indicati dalle Rsu. Il Gruppo di lavoro analizzerà specifici problemi relativi all’efficienza delle attività lavora-tive aziendali e predisporrà una relazione annuale da trasmettere alla direzione con proposte per il migliora-mento della qualità e dell’efficacia delle misure messe in campo di cui è a conoscenza.

Un nutrizionista a disposizione dei lavoratori Curti

L’azienda si impegna a organizzare, fuori dall’orario di lavoro, incontri con un esperto nutrizionista per favorire tra i lavoratori la conoscenza e l’applicazione di una corretta alimentazione. E in un’ottica di sempre maggiore attenzione alle condizioni di vita nei luoghi di lavoro, la Curti ha deciso di recepire integralmente e dare piena attuazione all’Accordo sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro, sottoscritto da Cgil, Cisl, Uil e Confindustria Emilia Romagna, in data 3 maggio 2017. Per sensibilizzare le lavoratrici e i lavoratori sulle tematiche oggetto dell’Accordo saranno previsti momenti di incontro della direzione aziendale con la Rsu al fine di darne piena attuazione e di valutare congiuntamente eventuali ulteriori iniziative che colgano le finalità dell’Accordo stesso.

Un modello vincente: “Quando ci sono obiettivi comuni si promuovono diritti, crescita e ambiente”

Fondata nel 1955, Curti Costruzioni Meccaniche Spa sta vivendo una crescita qualitativa e occupazionale costante: negli ultimi cinque anni gli addetti sono passati da 190 a 240. L’azienda è composta da sei business unit specializzate in fabbricazione di macchine automatiche per la lavorazione di cavi elettrici, packaging, componenti aerospaziali e aeronautici, energia da fonti alternative.  «Il contratto – fanno sapere proprietà, direzione, organizzazioni sindacali e rappresentanze dei lavoratori – è stato siglato dopo una trattativa breve e va a integrare, migliorandolo, l’impianto preesistente. Il risultato dimostra che, quando vi è la ricerca di obiettivi comuni tra le parti, anche attraverso la contrattazione aziendale si possono promuovere crescita, sostenibilità ambientale e diritti».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.