Con gli Alpini una nuova via verso gli scavi di Rontana

Tratto da “Il Piccolo”

Un nuovo sentiero per arrivare alla croce di Rontana, sistemazione delle panchine e attività con gli studenti: sono queste alcune delle iniziative che in questi giorni vedono protagonisti i volontari del Gruppo Alpini di Brisighella. A partire dall’11 luglio scorso si sta dando vita a un nuovo ‘Sentiero degli Alpini’, un percorso di circa 400 metri non impegnativo e adatto a tutti, che consentirà agli escursionisti e semplici curiosi di percorrere attraverso il bosco, partendo dal retro della chiesa di Rontana, un nuovo cammino verso la croce e gli scavi archeologici della rocca.

«Dopo aver svolto le necessarie pratiche con l’Ente Parco per far partire i lavori – spiega Gianluigi Bandini, capogruppo degli Alpini di Brisighella – in questi primi giorni abbiamo tolto le ramaglie e sistemato gli intoppi presenti lungo il percorso, consentendo così in futuro a chiunque di poterlo percorrere». Ad aiutare gli Alpini in queste operazioni, oltre al parroco di Fognano, don Mirko Santandrea, sono stati i ragazzi del Cre di Pieve Tho e anche diversi studenti nell’ambito dell’iniziativa “Lavori in Unione”, con cui hanno formato gruppi di lavoro di circa una ventina di persone, unendo così diverse generazioni in questo progetto. Nelle prossime settimane verranno inserite indicazioni, specifiche altimetriche e pali segnaletici, rendendo di fatto questa nuova via una realtà.

A Brisighella Alpini, ragazzi e studenti si stanno dando da fare per realizzare 400 metri di sentiero

Il nuovo “Sentiero degli Alpini” non è l’unica attività in programma in questi giorni. «Nella nostra sede – continua Bandini – abbiamo ricevuto tre ragazzi con cui l’anno scorso svolgemmo un percorso di falegnameria per rimettere a nuovo le persiane del museo Ugonia di Brisighella. Quest’anno con loro abbiamo fatto un percorso più breve, e ci hanno aiutato nella catalogazione di numerosi materiali presente nella nostra sede, come i tantissimi gagliardetti che custodiamo dalla nostra fondazione». Una storia lunga, quella del Gruppo Alpini di Brisighella, partita nel 1927 e che vuole proseguire ancora a lungo nel suo cammino. Attualmente sono 104 i soci iscritti, ai quali si aggiungono una trentina di simpatizzanti che, a loro modo, danno una mano nelle attività di volontariato. «Cerchiamo sempre di collaborare con il Comune, se possiamo fare qualcosa di utile per la comunità, non ci tiriamo indietro – spiega Bandini – Venerdì scorso, per esempio, abbiamo rimesso a posto delle panchine lungo il viale di Fognano verso Ponte Nono e, in futuro, ci piacerebbe svolgere un percorso di approfondimento con gli studenti delle scuole medie sul petrolio e le energie rinnovabili, con particolare attenzione allo sviluppo dell’energia in Italia e la storia dal dopoguerra». Nel fare questo, gli Alpini si appoggeranno a esperti come gli ex sindaci Egisto Pelliconi e Achille Albonetti.

L’ambizioso obiettivo per il 2020 è quello invece di organizzare l’adunata nazionale degli Alpini in Romagna – evento mai svolto finora nel nostro territorio -, a Rimini e San Marino. «Come gruppo bolognese-romagnolo siamo molto attivi in questo senso – conclude Bandini – pensiamo di meritarci la possibilità di organizzare questa manifestazione».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.