Un nuovo Centro della Tosse a Primus Forlì Medical Center

Un nuovo “Centro della tosse” è stato attivato presso Primus Forlì Medical Center allo scopo di creare percorsi ambulatoriali e diagnostici volti ad elaborare una diagnosi corretta e pianificare il trattamento più indicato.

Dott. Zanasi: “Il 30% di chi soffre di tosse non ne conosce l’origine”

La tosse è il sintomo rivelatore di oltre 100 malattie ,ecco perché, per chi ne soffre in maniera cronica e senza cause chiare può essere necessaria una valutazione più approfondita. “L’identificazione della causa di una tosse persistente richiede spesso un lungo e complesso percorso specialistico, tuttavia in oltre il 30% dei pazienti non si giunge mai a scoprirne l’origine – commenta il dottor Alessandro Zanasi, presidente dell’Associazione Italiana Studio Tosse e responsabile del nuovo Centro specialistico per la diagnosi e la terapia della tosse al Primus Forlì Medical Center -. Si tratta di persone che hanno già eseguito svariate indagini, passando da uno specialista all’altro e che spesso presentano molteplici fattori responsabili della tosse. E’ necessario rivolgersi a un centro specializzato qualora la tosse sia persistente nel tempo e si associa a fatica a respirare, febbre elevata o espettorato striato di sangue.

Centro della Tosse a Forlì: un team multidisciplinare per la cura dei pazienti

Il Centro della Tosse del Primus Forlì Medical Center si occupa in modo mirato di tutti coloro che sono affetti da tosse acuta e cronica e vede una collaborazione multispecialistica fra cui pneumologi, allergologi, otorinolaringoiatri e gastroenterologi, per una gestione integrata del paziente e della sua problematica. Il dott. Zanasi stabilisce poi un percorso diagnostico-terapeutico personalizzato, in grado di condurre in tempi rapidi a una corretta diagnosi eziologica e conseguentemente ad un trattamento mirato ed efficace.

Tosse da Covid-19: quali sono le caratteristiche

La tosse causata dal virus SARS-CoV-2 si presenta come secca e persistente, di tipo irritativo. Non si differenzia rispetto alla tosse che compare in presenza di molti altri virus respiratori e per riconoscerla e confermarne la causa è necessario il tampone orofaringeo e la diagnostica molecolare. Negli adulti compare solitamente dopo la febbre, un campanello d’allarme che si manifesta nei primi giorni dopo l’incubazione, mentre nei bambini è meno frequente. Tuttavia, la tosse potrebbe persistere anche dopo la guarigione: il Covid-19 può infatti lasciare strascichi sintomatici anche quando il paziente non è più infetto nel 30-40% dei casi. Tosse, stanchezza, problemi cardiaci, difficoltà respiratoria, ansia e insonnia sono le problematiche a lungo termine più frequenti nei pazienti che hanno contratto il Coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.