Giovani: una borsa di ricerca da 2mila euro sui mestieri del vino

Ammonta a 2mila euro la borsa di ricerca dal tema “I mestieri della vigna, del vino e della enologia. Nuove potenzialità per lo sviluppo agricolo di qualità” promossa da Caviro e Fondazione Dalle Fabbriche in occasione del 25esimo anniversario della scomparsa di Giovanni Dalle Fabbriche (già presidente di Caviro dal 1982 al 1987). La borsa di ricerca, il cui termine per presentare le domande di partecipazione scade il 30 settembre 2017, è rivolta a neodiplomati e studenti universitari o neolaureati in laurea triennale e/o magistrale che, preferibilmente, siano soci o figli di soci Caviro e delle cooperative che la compongono.

Una commissione composta da tre esperti (due nominati da Caviro e uno dalla Fondazione Dalle Fabbriche) esaminerà le domande pervenute e provvederà ad assegnare la Borsa di ricerca. Il borsista avrà la possibilità per tutta la durata della ricerca (che dovrà terminare entro il 30 aprile 2018) di utilizzare gratuitamente la sede e i servizi disponibili presso la Fondazione Dalle Fabbriche (Faenza, via Castellani 25). Il bando completo è pubblicato sul sito della Fondazione: www.fondazionedallefabbriche.it.

Lo scopo della borsa di ricerca: mettere in luce le potenzialità per i giovani

I territori italiani vocati alla viticoltura stanno confermando la leadership significativa che ormai esercitano, con valori di quantità e di qualità riconosciuti nelle sedi internazionali. I lavoratori occupati nel settore e le competenze sempre più forti chiedono una capacità di intervento per innovare e specializzare le competenze: cioè i mestieri della vigna, del vino e della enologia. Occorre acquisire nel settore una rinnovata conoscenza delle potenzialità di lavoro per i giovani e di attività di produzione per le imprese, soprattutto cooperative, impegnate nel rafforzamento del settore: in primo luogo, individuare le iniziative che si possono adottare per rispondere alle preoccupazioni ed alle attese di sviluppo dei produttori locali.

Il bando completo è pubblicato sul sito della Fondazione.

Rispondi