Si è conclusa la I edizione del Calciotto a Faventia Sales: vittoria per Santa Maria Maddalena

Si è concluso con successo domenica 6 ottobre 2019 il torneo “Il Calciotto (E’ Calzòt)”, l’iniziativa organizzata dall’Azione Cattolica della Diocesi di Faenza-Modigliana e dall’ufficio Giovani e Vocazione diocesano, in collaborazione con Csi e Anspi, e ospitata da Faventia Sales nel campo da calcio del Complesso ex Salesiani. Dall’8 settembre, giornata inaugurale dell’evento, sono state numerose le squadre e i ragazzi a scendere in campo in questo appuntamento che allo sport ha unito valori educativi e formativi, come l’impegno e la solidarietà. Oltre ai tornei maschili e femminili e al momento di gioco, l’occasione è stata importante per dare spazio a momenti di testimonianza e confronto. Il torneo era infatti iniziato con la testimonianza e l’intervista, a cura del giornalista di Sky Sport Alessandro Alciato, a due grandi campioni come Ciro Ferrara e Katia Serra. Per la conclusione è invece stata protagonista la voce dello sport paralimpico, con la presenza del nuotatore faentino Massimo Resta e dello schermitore nazionale Emanuele Lambertini.

In finale vince Santa Maria Maddalena contro Villa San Martino

Grande la partecipazione delle squadre e soprattutto di pubblico, che nonostante i primi freddi autunnali, ha fatto il tifo dagli spalti per tutte le serate. In questa prima edizione dell’iniziativa, nel torneo maschile hanno giocato nove formazioni provenienti da tutto il territorio della Diocesi di Faenza-Modigliana: Santa Maria Maddalena, Cappuccini, Azione Cattolica diocesana, Scout Faenza 1, Santa Maria Vecchia, Villa San Martino, Solarolo, San Marco e Sant’Agostino. Il torneo è stato vinto da Santa Maria Maddalena che ha battuto in finale la parrocchia di Villa San Martino. A queste si sono aggiunte le due squadre del torneo femminile, che si sono affrontate in una doppia finale (andata e ritorno): Paradiso e Pastorale vocazionale, con la vittoria finale di quest’ultima.

I giocatori premiati

A fine torneo sono stati premiati anche alcuni giocatori più meritevoli. Nel torneo femminile i riconoscimenti sono andati a Cecilia Benini (miglior portiere, squadra Paradiso), Giorgia Sani (miglior difensore, squadra Pastorale Vocazionale) e Sofia Bulzacca (miglior goleador, squadra Pastorale Vocazionale). Nel torneo maschile sono stati premiati Mirko Piazza (miglior portiere, squadra San Marco), Riccardo Valli (miglior difensore, squadra Santa Maria Vecchia), Daniele Cavallo (miglior goleador, squadra Santa Maria Maddalena). Il premio fairplay è andato invece a Giovanni Severi (Scout Faenza 1).

A ospitare il torneo, il campo sportivo di Faventia Sales

«Siamo molto contenti e grati del lavoro svolto dai giovani di Azione Cattolica, Ufficio Giovani e Vocazione, Csi e Anspi, perché è stata una delle risposte più belle di questi anni ai nostri obiettivi di riportare valori e principi in questo luogo – dichiara il presidente di Faventia Sales Andrea Fabbri -. La città ha potuto vivere ancora una volta questo splendido Complesso che deve essere al suo servizio, grazie a un torneo che è stato capace di far incontrare lo sport con la solidarietà e la beneficenza. Sono questi i semi che Faventia Sales deve riuscire ad ospitare qui dentro, perché crescano dando continuità nella loro autonomia».

Nell’evento conclusivo si è parlato di sport paralimpico

«Siamo davvero soddisfatti di questa prima edizione del Calciotto – spiega Riccardo Cappelli, dello staff dell’Azione Cattolica -. Una soddisfazione che deriva sicuramente dalla buona partecipazione che abbiamo riscontrato, ma che esprimiamo anche per i valori che hanno accompagnato questo evento. Abbiamo infatti ritenuto importante parlare anche dello sport paralimpico con ragazzi che consideriamo portatori quotidiani di grandi valori come il sacrificio, la dedizione e l’impegno costante. Ci teniamo a ringraziare Faventia Sales, Pastorale Giovanile, Azione Cattolica diocesana, Csi e Anspi perché sono stati gli enti che hanno creduto in questa idea e ci hanno sostenuto nell’organizzazione di questa prima edizione”.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.