Cresce la raccolta differenziata di Brisighella al 46% (+10%)

Raccolta differenziata in crescita a Brisighella, sempre più vicino l’obiettivo del 65%, grazie alle azioni messe in campo dall’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Massimiliano Pederzoli in collaborazione con Hera. Nel 2019 il Comune di Brisighella ha registrato il 10% in più di raccolta differenziata. In programma l’attivazione di nuovi sistemi di raccolta entro il 2021 per raggiungere l’obiettivo del 65% di rifiuti differenziati. Più Isole Ecologiche di Base (Ieb+) e più rifiuto organico: queste due parole chiave hanno dato il via ai nuovi sistemi di raccolta differenziata messi a punto da Hera in collaborazione proprio con l’Amministrazione. La multiutility ha fornito nel corso del 2019 maggiori e più efficaci strumenti per supportare i cittadini nel corretto conferimento dei rifiuti. Ciò ha portato a un aumento della raccolta differenziata del 10% rispetto al 2018: dal 36 al 46%. La strada da percorrere per raggiungere gli obiettivi prefissati è ancora lunga: entro il 2021 è infatti prevista l’adozione di nuovi sistemi di raccolta, indispensabili per raggiungere l’obiettivo sfidante del 65% previsto dal Piano Regionale dei Rifiuti.

L’assessore Gian Marco Monti e l’obiettivo 65%

Continua l’assessore all’Ambiente Gian Marco Monti: «Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti dalla nostra comunità, le persone sono sempre più attente alla questione ambientale e ormai in tantissimi si sono fatti un’idea di quanto sia importante il rispetto verso l’ambiente. Ritengo, finalmente, che non sia più solo una questione puramente economica, ma di senso civico e rispetto verso la Terra, noi stessi e i nostri figli; abbiamo visto tutti l’importanza di differenziare ma sopratutto di farlo bene cercando di non commettere errori nella raccolta, piccoli errori che vanificano poi gli sforzi collettivi rendendo di conseguenza il rifiuto non riutilizzabile. Vi sono anche per questo app su cellulare come il “Rifiutologo”, per chi è più pratico con la tecnologia, che aiutano a differenziare bene tramite indicazioni e consigli. Riconosco che, da sole, non siano sufficienti e che, sopratutto per chi è più anziano, sia un problema. Il passaparola e il dialogo continuo su questo tema potrebbe aiutare il comportamento virtuoso. E’ importante continuare a fornire informazioni ed esempi sulla corretta modalità di differenziazione e intendiamo proseguire nell’organizzazione di serate e incontri specifici anche nelle frazioni. Consapevoli che la strada è ancora lunga e il tempo a disposizione molto poco, proprio per questo vogliamo ringraziare tutta la cittadinanza per i risultati raggiunti».

Gli interventi Hera a Brisighella

L’organizzazione del servizio basato sulle Isole Ecologiche di Base ha visto nel corso del 2019 l’introduzione della raccolta stradale dell’organico con 106 contenitori da 240 litri. Si ricorda che gli scarti alimentari rappresentano il principale rifiuto differenziabile e pertanto separarlo correttamente è decisivo per una buona raccolta differenziata. La raccolta del verde (sfalci e potature) è stata implementata con 75 contenitori da 1.700 litri. Le 40 campane della raccolta di vetro-plastica-lattine da 3mila litri sono state sostituite con 112 cassonetti da 1700 litri per la raccolta di plastica / lattine e 207 bidoni del vetro da 240 litri. Sono aumentati da 40 a 109 punti di raccolta, per fornire ai cittadini maggiore comodità nella differenziazione dei rifiuti. L’implementazione degli strumenti è stata affiancata da una massiccia campagna di informazione e sensibilizzazione che ha previsto anche l’organizzazione di serate informative nel capoluogo e in tutte le frazioni, con molte presenze registrate.

Gli sconti: compostiera e concimaia

Sono aumentate anche le adesioni al compostaggio domestico, che da gennaio 2019 a giugno 2020 sono passate da 391 a 463 (+ 20%). La compostiera è sempre a disposizione per gli scarti alimentari, si può ritirare gratuitamente assieme ad un utile vademecum presso le stazioni ecologiche (centri di raccolta) del territorio e consente di trasformare il rifiuto organico in terriccio (riutilizzandolo quindi a Km0) per migliorare la fertilità del terreno. L’utilizzo della compostiera o, per chi ne ha i requisiti, di una concimaia, in alternativa al servizio di raccolta del rifiuto organico dà inoltre diritto a sconti significativi sulla bolletta Tari: per il 2020 sono pari rispettivamente a 5 euro o 10 euro per abitante/anno.

Organico: una rifiuto dalle tante potenzialità

L’organico, soprattutto d’estate, rappresenta una parte consistente dei rifiuti che produciamo ogni giorno (dal 30 al 40%) e, se ben differenziato, può acquisire un grande valore. E’ costituito da rifiuti biodegradabili: scarti di cucina, di frutta e verdura e di giardinaggio, fondi di caffè e filtri da tè, gusci d’uovo, piccoli ossi, gusci di molluschi, ceneri spente di caminetti, ecc. Dalla loro differenziazione è possibile creare non solo del prezioso compost naturale ma, trattandosi di materia organica, il suo ciclo può avere anche altre destinazioni, fino alla produzione di biometano, un combustibile sostenibile e rinnovabile al 100%. Un modo per “chiudere il cerchio”, partendo dalle famiglie e ritornando ai cittadini, al territorio e alla natura, in linea con i principi dell’economia circolare. Sono poche e semplici, ma indispensabili, le regole per produrre una raccolta differenziata di qualità e trasformare il rifiuto in una risorsa riutilizzabile: è necessario gettare l’organico solo nei sacchetti in compost o in carta e sempre libero da involucri e imballaggi, facendo attenzione a pulirlo anche da minime impurità di plastica che gli fossero rimaste attaccate.

I canali di contatto Hera dedicati ai nuovi servizi

Per informazioni e segnalazioni è sempre disponibile il Servizio Clienti Hera al numero 800999500 attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18 (chiamata gratuita da fisso e cellulare).
Per informazioni e segnalazioni sono inoltre disponibili l’apposita sezione del sito www.gruppohera.it e l’app di Hera Il Rifiutologo, da oggi integrato anche con Alexa, l’intelligenza artificiale di Amazon, scaricabile gratuitamente su www.ilrifiutologo.it

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.