Inaugura il nuovo frantoio della Cab Terra di Brisighella, 450mila euro di investimenti

Tutto è pronto per la campagna delle olive a Brisighella e in questo 2018 la prima Dop europea di olio italiano propone un’altra grande novità. È in programma per sabato 13 ottobre alle ore 15.30 l’inaugurazione ufficiale del frantoio di ultima generazione introdotto dalla cooperativa Cab Terra di Brisighella nello stabilimento di via Strada, 2. L’impianto, già in funzione a partire da questa campagna olearia, consentirà di affinare il processo produttivo salvaguardando al massimo i preziosi contenuti dell’olio extravergine di oliva quali vitamine e fenoli. Un aspetto particolarmente importante che consentirà, al già pregiato olio Brisighello Dop, di aumentare ulteriormente il proprio valore nutrizionale e salutistico.

Il nuovo frantoio Cab: ecosostenibilità e risparmio energetico

L’intervento realizzato dalla cooperativa, oltre a riguardare l’intero impianto e processo di estrazione, ha interessato anche la sala di imbottigliamento e gli spazi antistanti il frantoio per un totale di investimento globale pari a 450mila euro finanziato al 40% dai fondi europei del Psr 4.2.01 della Regione Emilia-Romagna. «Siamo molto soddisfatti di quanto fatto perché ci consentirà, da subito, di aumentare la produttività e portare il nostro prodotto ai più alti standard qualitativi oggi possibili – sottolinea Sergio Spada, presidente della cooperativa brisighellese -. Inoltre ci consentirà di introdurre alcune importanti innovazioni: un nuovo protocollo di ricerca e sperimentazione messo a punto in collaborazione con alcune importanti università italiane; raggiungere la totale tracciabilità delle partite durante il processo di lavorazione; puntare alla massima ecosostenibilità che passa dal risparmio energetico e arriva al totale riutilizzo dei sottoprodotti».

Il sindaco Davide Missiroli: “Un modello cooperativo che funziona”

«L’Olio Extravergine di oliva di Brisighella – commenta il sindaco di Brisighella, Davide Missiroli – è stato il primo olio in Italia a essere stato insignito della Denominazione di Origine Protetta (Dop dal 1997) e la Cooperativa Agricola Brisighellese è sempre stata il cardine centrale della valorizzazione della nostra produzione olivicola locale. In qualità di sindaco e quindi di rappresentante di tutta la comunità brisighellese vorrei ringraziare tutti i soci di ieri e di oggi perché è dal grande lavoro svolto fino ad oggi che possiamo vantare una delle migliori produzioni olivicole d’Italia ma soprattutto perché non è da dare per scontato la voglia di continuare ad innovare nella tradizione, coinvolgendo anche le competenze dell’Università di Bologna, per valorizzare la storia dell’olio di Brisighella. Ecologia, tecnologia e cultura del territorio sono gli elementi base di questo nuovo investimento che negli anni darà ulteriore valore alla biodiversità della Terra di Brisighella e chiedo a tutti di continuare a lavorare in squadra aggregando tutta la comunità e vedendo nel modello cooperativo un elemento di forza che ha permesso negli anni un investimento di promozione importante».

Nel dettaglio, la giornata di sabato 13 ottobre si aprirà alle 15.30 con l’accoglienza degli invitati nella sede della cooperativa in via Strada 2 a Brisighella. A seguire il presidente Sergio Spada illustrerà agli intervenuti la genesi del progetto, le caratteristiche del nuovo impianto e si soffermerà sugli obiettivi futuri della cooperativa. Prima del taglio del nastro e della successiva visita guidata al frantoio, in programma alle 16.25 circa, è previsto il saluto dei rappresentanti della istituzioni governative nazionali e regionali.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.