Maria Marina: la bioestetica per raggiungere l’armonia con il proprio corpo

Accompagnare la persona nel trovare il giusto equilibrio con il proprio corpo, utilizzando tecniche tradizionali e trattamenti su misura grazie anche alle ultime tecnologie di settore: sono queste le caratteristiche di Bioestetica Marina, centro estetico di Faenza che si occupa della cura della persona a 360 gradi. Fanghi termali, talassoterapia, lipolaser, criolipolisi sono strumenti diversi per raggiungere un unico obiettivo: l’armonia della persona con il proprio corpo, nel segno della bellezza.

Sabato 21 settembre inaugura il nuovo centro estetico a Palazzo Matteucci

Da oltre vent’anni la titolare del centro, Maria Marina, si occupa di benessere e salute suggerendo ciò che non è un semplice trattamento-spot di dimagrimento ma un vero e proprio percorso a lungo termine che parte dall’interno della persona per arrivare poi a mettere in pratica, giorno dopo giorno, piccoli e grandi suggerimenti quotidiani per “una efficace cura del tuo corpo, l’unico posto in cui devi vivere”. Sabato 21 settembre 2019 Bioestetica Marina, alle ore 15, inaugurerà la nuova sede nel suggestivo Palazzo Matteucci (corso Mazzini, 62), e lo farà con un evento che, attraverso conferenze e spettacoli, metterà al centro proprio le parole ‘benessere’ ed ‘estetica’.

Un percorso per recuperare un rapporto sano con il proprio corpo

Spesso la parola ‘estetica’ viene associata alla sfera del superfluo, di qualcosa non essenziale, dello sfizio in più, mentre invece è una parte fondamentale della vita di tutti. «Ho aperto questa nuova sede nel centro storico, a Palazzo Matteucci – spiega Maria Marina – proprio per cercare di rivolgermi a più persone possibile. Il centro è infatti rivolto a uomini e donne di ogni genere ed età. Spesso gli uomini pensano che l’estetica sia una cosa esclusivamente femminile, quando invece riguarda aspetti importanti della vita di ognuno di noi: un rapporto sano con il proprio corpo migliora sensibilmente la nostra vita».

Esperienza, prodotti naturali e macchinari di ultima generazione per il benessere

Sia che le persone vogliano perdere peso sia che cerchino suggerimenti per il proprio corpo, il percorso di Maria Marina parte sempre da un colloquio e da un check-up per capire le cause e i bisogni primari. «Se non si conoscono le cause prime è inutile iniziare un percorso – spiega – magari si inizia a perdere peso, ma poi, avendo una dieta scorretta o uno stile di vita non idoneo, si ritorna da capo in poco tempo». Si parte così dall’interno, dunque, con una detossinazione del corpo attraverso prodotti di altissimo livello e integratori, nel segno della sfera ‘bio’. «Quando si inizia un dimagrimento bisogna rimuovere le tossine che potremmo avere all’interno del nostro corpo, per esempio nell’intestino, e che impediscono all’organo di espletare o mantenere le proprie funzioni».

“L’equilibrio deve essere una parola chiave nelle diete”

La parola chiave di questi percorsi è equilibrio. «Una dieta che funziona è una dieta equilibrata. Diffido delle persone che consigliano di mangiare “tanta” verdura, o “tanta” frutta ecc… l’aggettivo “tanta” non va mai bene. Spesso ci sono contraddizioni nei consigli alimentari: certi alimenti danno più fastidio, ma non significa che non si possano assumere; bisogna invece mangiare un po’ di tutto. Nel mio lavoro mi capita, ogni giorno di più, di vedere molte persone denutrite, in quanto seguono una dieta squilibrata, mangiano sempre le stesse cose». Tra gli altri suggerimenti: mangiare di più nella prima colazione, evitando l’abitudine di bere solo un caffè, fare attività fisica giornaliera, ma anche qui con equilibrio: una camminata di venti minuti al giorno è più che sufficiente.

Massaggi e trattamenti per la cura della pelle e non solo

Successivamente si entra poi più nello specifico, con la cura della pelle per acne, pelle grassa e pelle secca. «Sono fenomeni sempre causati da organi che non lavorano bene. Oltre ai massaggi, per questi trattamenti il centro estetico ha in dotazione macchinari che stimolano le cellule, e prodotti bio rigorosamente di alta qualità. Evito di utilizzare creme non naturali con silicone che creano, per esempio, pellicole che non lasciano trasparire la pelle. Svolgo massaggi e la pulizia profonda con prodotti Pnei (acronimo per Psico-Neuro Endocrini Immunologici), testati dall’università di Ferrara e in continua evoluzione».
Per quanto riguarda il percorso di dimagrimento, dopo la detossinazione si svolgono sedute di massaggio miofasciale, si utilizzano macchinari di ultima generazione come lipolaser e criopolisi (la liposuzione non chirurgica), molto praticata in particolare dagli sportivi. «Se si vuole raggiungere un fisico ottimale si deve lavorare in maniera graduale; spesso invece le persone hanno fretta: iniziano a mettersi in forma solo a primavera, quando bisognerebbe partire già in autunno. Infine è indispensabile portare a termine il ciclo dei trattamenti programmati». Infine, per la parte periferica, Bioestetica Marina si occupa anche di manicure/pedicure e suggerimenti per il trucco personalizzato.

“La soddisfazione più grande è vedere tante persone seguire i percorsi dopo tanti anni”

Ecco dunque che le sedute di bioestetica sono molto di più di un semplice rapporto di qualche ora con il cliente, ma coinvolgono la persona in modo continuativo, ed è questo uno degli aspetti più appaganti del lavoro di Maria Marina. «Per me questo lavoro è una vera e propria passione che ho avuto sin da molto giovane. Ho cominciato a mettermi in gioco in questo campo subito dopo la scuola, lavorando da uno dei più grandi parrucchieri-estetisti della zona. Poi ho acquisito la qualifica regionale presso la scuola di estetica a Forlì, e successivamente ho acquisito varie specializzazioni, di benessere e massaggio, a Milano e Bologna. Sicuramente però, al di là delle qualifiche, è la pratica di ogni giorno, sul campo, che fa la differenza e ti permette di crescere e migliorare». E da 20 anni che Bioestetica Marina cresce, si sviluppa e si rinnova, accompagnando i propri clienti in un percorso che unisce la tradizione e l’esperienza alle nuove tecnologie. «La soddisfazione più grande è vedere come le persone continuino a seguire i miei percorsi dopo tanti anni. Sono particolarmente gratificata quando professionisti del settore sanitario riconoscono il livello del mio lavoro».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.