Roberto Menichelli (Ct Italia): “Si riparte dalla Romania, basta critiche strumentali”

La Nazionale italiana di futsal riparte da Faenza per cercare di scrollarsi di dosso le critiche degli ultimi mesi. Dopo il deludente Mondiale in Colombia terminato agli ottavi, gli Azzurri del Ct Roberto Menichelli tornano in campo martedì 1 novembre per un test amichevole contro la Romania: la gara si gioca alle 20:30 al PalaCattani (ingresso gratuito). Un appuntamento di rilevanza nazionale che sarà arricchito da eventi collaterali. Il pre-partita al palazzetto inizierà dalle 17:30 con esibizioni delle scuole calcio a 5 emiliane e gli sbandieratori e musici del Niballo – Palio di Faenza. A fine primo tempo si esibirà invece l’Asd Progetto Ritmica Romagna. L’amichevole sarà trasmessa in diretta streaming sul sito della Divisione Calcio a cinque.

Roberto Menichelli: 92 vittorie ed Europeo 2014

Un bilancio che da marzo 2009 a oggi recita 92 vittorie, 15 pareggi e 14 sconfitte: questi i numeri della Nazionale italiana di futsal da quando Roberto Menichelli è alla guida della panchina Azzurra. Vittorie coronate dal successo agli Europei del 2014, a cui però hanno fatto seguito le deludenti prestazioni – e conseguenti critiche – agli ultimi Europei e Mondiali. «Sarà una gara difficile – afferma il Ct della nazionale – per due motivi: l’avversario e le condizioni in cui giochiamo. La Romania ha quasi sempre giocato fasi finali di grandi competizioni e, in ambito nazionale, oggi gli equilibri tra le squadre sono molto vicini. La seconda difficoltà riguarda invece le condizioni in cui affrontiamo questa squadra: negli ultimi periodi ci siamo fermati ai quarti e ottavi di finali e non va bene, bisogna correggere questo stop. Ultimamente – continua Roberto Menichelli – noi abbiamo subito molte critiche e queste fanno parte del gioco. Accettiamo le critiche costruttive e critiche dei tifosi, ma abbiamo subito anche molte critiche strumentali che sono pessime: queste noi non le accettiamo, perché non tengono minimamente conto del nostro passato. C’è chi critica non in modo propositivo ma per interessi personali, e questo non va bene».

Prima convocazione per Mauro Castagna (Ma Group Imola)

Tanti giovani per questo match in vista delle qualificazioni per gli Europei 2018. Prima convocazione per il 22enne Mauro Castagna di Imola. Tra i 17 convocati (dei diciotto previsti ha dovuto dare forfait Giuseppe Mentasti, tornato a casa dopo un infortunio riportato con il suo club) il bomber degli Azzurri è Alex Merlim (Sporting Lisbona). con 21 reti segnate in nazionale, seguito da Marco Ercolessi (Kaos Futsal) con 12 segnature. Tra i diciassette, Marco Ercolessi è anche il giocatore ad avere disputato più match con la maglia dell’Italia, ben 105. «Ripartiamo da giovani giocatori – afferma Roberto Menichelli – perché abbiamo necessità di guardare ad orizzonte più ampi. La squadra è giovane con qualche esordiente. La partita con la Romania sarà difficile, i ragazzi hanno pochi allenamenti e poche partite sulle gambe».

Calcio a 5 in Italia: 2.500 società per 70mila tesserati

La nazionale di calcio a 5 disputerà il primo allentamento oggi pomeriggio al PalaCattani, dove gioca le sue gare interne il Faventia Calcio, realtà prima in classifica nella serie b nazionale. «Una struttura di primissimo livello – ha affermato Fabrizio Tonelli, presidente della Divisione calcio a 5, riferendosi al PalaCattani – non solo in ambito regionale ma nazionale. Ringrazio la società di Faenza e Imola per l’aiuto nell’organizzare questa partita. Il calcio a 5 in vent’anni si è dimostrato essere una realtà consolidata con 2.500 società affiiliate e 70mila tesserati e comincia ad avere primi vagiti a livello giovanile. Il livello tecnico è molto cresciuto: proveremo a investire per incrementare qualità e quantità. Comincia ora un periodo nuovo per la squadra nazionale e nel 2017 ad aprile si diputeranno le gare per qualificazione del campionato europeo in Slovenia.

«Per la nostra città – ha dichiarato Giovanni Malpezzi, sindaco di Faenza – è un onore poter ospitare partita della Nazionale di Calcio, ma dieri che è un riconoscimento per il movimento calcistico della nostra città. Godere di una partita di questo tipo è ulteriore stimolo per crescita di questo movimento».

Rispondi