Faventia, crisi nera, ancora sconfitta 1-3 con Ancona

E’ crisi Faventia. I manfredi non riescono a vincere da inizio anno e vengono sconfitti nuovamente in casa dal Cus Ancona per 3-1 nonostante una buona prestazione. Inizia male la partita del decisiva del campionato del Faventia, prima del riscaldamento infatti lo staff medico non conferma il rientro di Lorenzo Lesce, Castellani allora preferisce convocare l’under Lombardi. Al fischio d’inizio la pressione gioca un brutto scherzo ai manfredi che subiscono due gol nei primi 6 minuti di gioco. Il primo in particolare è sintomatico della situazione: Fioretti tira di potenza e Conti, tradito da un rimbalzo del pallone, si ritrova il pallone alle proprie spalle. I due time-out chiamati prima da Carletti e poi da Castellani scuotono entrambe le squadre.

Due gol subiti già nei primi minuti

Il Faventia gioca con più mordente ma la terna arbitrale adotta il metro dell’inflessibilità e fischia tutto quello che si può, così i manfredi pagano la trance agonistica ritrovandosi a metà della prima frazione in debito di 5 falli e con lo spettro del tiro libero in favore dei marchigiani. La situazione però si evolve in breve tempo, una provvidenziale discesa sulla fascia del capitano Ilie Barbieri consente al Faventia di accorciare le distanze e di andare al riposo sul 2-1. Nel computo dei tiri del primo tempo manca ancora qualcosa al Cus Ancona che in situazione di vantaggio colpisce in pieno la traversa.

Nel secondo tempo il Faventia non concretizza e subisce l’1-3

Nella seconda frazione i manfredi si lanciano all’attacco. Borja Milan si alterna in fase offensiva a Gatti e a Marco Cavina per cercare di rimediare all’astinenza da gol, il Faventia produce numerosissime occasioni non riuscendo tuttavia a trovare il pareggio che tutto sommato sembra meritato. Il Cus Ancona dal canto suo si chiude a riccio in difesa e prova ad offendere ripartendo in contropiede, Conti però si riscatta in maniera superlativa salvando in due occasioni il risultato.

Anche Samuele Barbieri non è da meno e lotta come un leone per murare le conclusioni della squadra di Carletti, la quale non riesce a trovare il gol nemmeno in superiorità numerica quando Hassane viene espulso dal direttore di gara per doppia ammonizione. A 3’ dalla fine arriva però la beffa. Castellani chiede a Conti di attuare il portiere di movimento, la palla gira veloce ma l’estremo difensore anconetano Diego Vittori si conferma in stato di grazia e blocca, di fatto, le speranze dei faentini che si spengono ulteriormente quando Belloni a porta sguarnita insacca per il 3-1 finale. Ora il Faventia osserverà un’ulteriore turno di riposo prima di tornare in campo ancora in casa contro l’Alma Juventus Fano il 17 febbraio.

Faventia – Ancona, il tabellino

Faventia: Conti, Tronconi, Bezzi, Caria, Barbieri S., Barbieri I., Hassane, Cavina A., Cavina M., Borja Milan, Gatti, Lombardi. All. Castellani
Cus Ancona: Vittori, Pellegrini, Fioretti, De Sousa, Zizzamia, Lalloni, Belloni, Quorri, De Souza, Cologgi. All. Carletti

Marcatori: 2’pt e 6’pt Fioretti (A), 18’st Belloni (A), 12’pt Barbieri
I. (F).
Ammoniti: Cavina M., Hassane (F).
Espulsi: Hassane al 9’ per doppia ammonizione.
Note: Falli pt. 5-0, st. 2-3.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.