Ironica, affascinante, cinica: Eva Robin’s al Masini sabato 21

Uno sfondo pop irrealistico fa da sfondo a uno spettacolo in cui si succedono personaggi bizzarri, situazioni assurde e gag irriverenti. Per la rassegna “Protagonisti” al Teatro Masini di Faenza, Eva Robin’s porterà in scena, sabato 21 gennaio alle ore 21, il monologo Il frigo, un testo di Copi per la regia di Andrea Adriatico. Il frigo è uno dei testi teatrali più vorticosi di Copi, dove si ritrovano concentrati tutti i suoi temi e le sue manie, a cominciare dai sessi indefiniti e dalle violenze a ripetizione, sullo sfondo dell’incommensurabile solitudine di una donna chiusa in casa che inganna le sue fobie e le sue angosce immaginando personaggi a ripetizione che la vengano a trovare. A incarnare l’eroina di questa strana opera è Eva Robin’s. Ironica, affascinante, cinica: così Eva si presenta in scena, con un monologo che sembra scritto appositamente per lei, in un vorticoso crescendo di parole e situazioni da fumetto tragicomico come in un trip lisergico.

Eva Robin’s porta in scena Il frigo

ilfrigofoto5Ne Il frigo c’è tutta la teatralità cinica e pungente del grande franco-argentino Copi, morto di Aids nel 1987, celebre per i fumetti della Donna Seduta e per la sua capacità di ridere con sprezzante ironia delle disgrazie e delle ingiustizie della commedia umana. Alla sua opera Teatri di Vita ha dedicato, dal 2006, un progetto pluriennale che ha avuto già diversi esiti: spettacoli, convegni e il libro Il teatro inopportuno di Copi a cura di Stefano Casi (ed. Titivillus), primo volume di studi su Copi mai pubblicato in tutta Europa. Ne Il frigo, su uno sfondo pop iperrealistico, si avvicendano le sequenze più strampalate che si possano immaginare, in una girandola caleidoscopica che ruota attorno all’improbabile apparizione di un frigo nel salotto di una ex indossatrice sul viale del tramonto. Che si confonde con altri personaggi generati da quest’incubo: una psicanalista svitata, una madre crudele, una serva irriverente, un editore megalomane, un… topo!

Chi è Eva Robin’s

Il suo nome d’arte deriva dal personaggio di Eva Kant, del fumetto Diabolik, alla quale i suoi amici dicevano che somigliasse, e dal cognome dello scrittore Harold Robbins. Eva Robin’s o Eva RobinS, all’anagrafe Roberto Maurizio Coatti, nota come cantante anche con il nome di Cassandra, è nata a Bologna il 10 dicembre 1958. E’ un personaggio televisivo, attrice teatrale, attrice cinematografica e cantante italiana. Per nascita appartenente al sesso maschile, nella vita ha adottato esclusivamente un ruolo di genere femminile.

 

Rispondi