L’8 marzo al Ridotto il docufilm “Una su tre”, una statistica che va cambiata

Anche la rassegna Il Cinema della Verità al Ridotto del Teatro Masini di Faenza ricorda la festa della donna. Mercoledì 8 marzo alle ore 21 si terrà infatti la proiezione di Una su tre di Claudio Bozzatello, docu-film scritto da Nerina Fiumanò, Stefano Villani, Antonio De Luca e Michele Maggi e che vede la partecipazione di grandi attrici della scena italiana quali Angela Finocchiaro, Ottavia Piccolo e Debora Villa. Una su tre, presentato anche al Festival dei Diritti Umani di Barcellona, è nato dall’incontro sul territorio italiano con centri ed operatori di servizi di sostegno e tutela per le vittime della violenza domestica, con un’attenzione particolare nei confronti delle donne. L’appuntamento è realizzato in collaborazione con Sos Donna.

Una su tre con Angela Finocchiaro, Ottavia Piccolo e Debora Villa

Angela Finocchiaro in "Una su tre"
Angela Finocchiaro in “Una su tre”

«Una su Tre non è solo una drammatica statistica ma un dato che davvero va conosciuto e cambiato». Il documentario si apre su immagini di gente che s’incontra per strada ogni giorno e su scene di vita quotidiana. L’apparente tranquillità delle immagini, tuttavia, è subito ridimensionata dalle parole che le accompagnano: è la lettura di un verbale da parte di un ufficiale della polizia giudiziaria, in cui una donna denuncia i maltrattamenti subiti dal marito. L’accostamento tra la voce narrante e ciò che è mostrato rivela la drammatica realtà della violenza domestica, una tragedia taciuta e silente, spesso celata dalla convenzionalità di una vita familiare. Si affrontano per mezzo di interviste i diversi temi legati alla violenza domestica: nel percorso interverranno operatori sociali e sanitari, psicoterapeuti ed esperti di dinamiche relazionali nella coppia. Ma anche l’ambito legale sarà indagato grazie al contributo di ufficiali di Pubblica Sicurezza, Pubblici Ministeri, difensori di parte civile e magistrati.

Rispondi