Arena Borghesi: con il coraggioso ‘The Observer’ partono i 5 film documentari della rassegna

Continua l’edizione straordinaria dell’Arena Borghesi in piazza Nenni (già della Molinella) a Faenza. Questa stagione, dedicata a Federico Fellini nel centenario della nascita, prevede per tutte le serate della rassegna, l’ingresso gratuito. Ad agosto l’inizio delle proiezioni è alle 21.15. Inizia, martedì 4 agosto, il ciclo di cinque film documentari che il cineclub il Raggio Verde, in collaborazione con Fice Emilia-Romagna, grazie al progetto Doc In Tour. Tutti i martedì di agosto e venerdì 4 settembre verranno proiettati, ad ingresso gratuito, alcuni dei documentari pi interessanti distribuiti in questa stagione. L’iniziativa vuole arricchire l’offerta culturale dell’estate faentina, andando a supportare i tanti appassionati del genere, costretti a rinunciare al Cinema della verità, l’affermata rassegna di cinema documentario, ideata e organizzata da Accademia Perduta / Romagna Teatri in collaborazione con il Cineclub.

Il calendario completo degli appuntamenti

Martedì 4 agosto “The observer” di Rita Andreetti: martedì 11 agosto “Vivere che rischio” di Michele Mellara, Alessandro Rossi; martedì 18 agosto “My best dance is yet to come” di Edoardo Gabbriellini; martedì 25 agosto “Felix Pedro – Se solo si potesse immaginare” di Paolo Muran; venerdì 4 settembre “Carracci – La rivoluzione silenziosa” di Giulia Giapponese.

The Observer

“The Observer” è il ritratto dello straordinario lavoro di un artista dissidente cinese, Hu Jie. Filmmaker autodidatta, coraggioso e lungo il corso della sua carriera ha realizzato oltre trenta documentari il cui contenuto è di vitale importanza per comprendere la società cinese e preservarne la memoria. Segnalato come dissidente dal governo e messo sotto sorveglianza speciale, Hu Jie ha continuato a filmare, mettendo in pericolo la sua stessa vita. Si ricorda che è obbligatorio indossare la mascherina fino al raggiungimento del proprio posto.

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.