Supermercato ex Cisa: proposte di Legambiente per ridurne l’impatto

Mancato coinvolgimento dei cittadini, lavori di bonifica del sottosuolo non ben definiti, aumento del traffico nella zona. Attraverso una sua nota a stampa Legambiente Faenza – capofila con altre associazioni – esprime preoccupazione rispetto al progetto di costruzione di un nuovo centro commerciale nella zona ex Cisa. L’associazione fa partire la propria riflessione da alcune perplessità riguardo al progetto, si chiede infatti «perché non sono stati coinvolti né i quartieri, né le associazioni, né i cittadini nella ricerca di soluzioni alternative, in un percorso di riprogettazione dell’area dismessa?». Inoltre Legambiente chiede all’amministrazione «a che punto è, da chi deve essere compiuto e quali sono gli impegni presi per il lavoro di bonifica delle falde e del sottosuolo contaminati?». Tra i dubbi espressi da Legambiente c’è anche «come conciliare l’impegno del Comune a favore della mobilità sostenibile (Pums), con questo progetto che necessariamente porterà un aumento del traffico motorizzato in una zona residenziale? Le vie Volpaccino, Zara e limitrofe sono strette, senza marciapiede né piste ciclabili, ma percorse quotidianamente da molti bambini e famiglie in bici che si recano a scuola, in piscina, al parco: sono state fatte previsioni sull’impatto in termini di inquinamento, insicurezza, traffico per quelle zone?».

Le proposte di Legambiente: piste ciclopedonali in via Volpaccino e via Zara

L’associazione si chiede infine a cosa possa servire un nuovo centro commerciale se già ce ne sono otto-nove nel territorio faentino (oltre a numerosi supermercati). «Che effetti avrà sull’economia locale, sulle botteghe, sui mercatini diretti e sui piccoli negozi?». Tra le proposte per mitigare l’impatto negativo, Legambiente e delle altre associazioni propongono di inserire piste ciclopedonali in via Volpaccino e via Zara (con impossibilità di accedere da queste al parcheggio del supermercato), sistemi di raccolta differenziata nei pressi della struttura.

Rispondi