Rocchi & Lupidi: i due deejay tornano al Miami Music Week

Si apre una stagione piuttosto “calda” per il duo composto dai deejay Marcello Rocchi e Matteo Lupidi; entrambi classe 1993 (e migliori amici da sempre), Rocchi e Lupidi sono originari di Castel San Pietro Terme e nel corso degli anni ne hanno fatta di strada a livello musicale. L’unione artistica è nata nel 2013, quando – dopo aver suonato tanto tempo da soli e iniziando in età giovanissima – i due deejay decidono di proporre insieme dei pezzi prevalentemente frutto di un mix (per stare appunto in termini “tecnici”) tra l’house e l’elettronica da suonare nei locali più in voga della zona emiliano-romagnola, partendo da Bologna arrivando fino alla Riviera Adriatica, terra del divertimento. Esattamente come l’anno scorso, il duo di Rocchi e Lupidi volerà oltreoceano per esibirsi all’edizione 2018 della Miami Music Week: un raduno internazionale di tutti i dj del mondo nei locali della zona prevalentemente di South Beach, Middle Beach e Downtown Miami (centro) che avrà luogo appunto a Miami dal 20 al 25 marzo.

I due dj di Castel San Pietro ospiti al Miami Music Week

Una maratona musicale di cinque giorni, dove i due dj emiliani – grazie anche all’aiuto di Gary Caos, dj e produttore imolese soprattutto famoso all’estero – suoneranno i loro brani house sia al party di Royal Event (società italiana di eventi musicali con cui i due dj collaborano spesso e attivamente) che a quello di Bee Jones, resident dj a Ibiza. Durante l’evento musicale – più precisamente il 23 marzo – i due deejay viaggeranno coast-to-coast, approdando a Los Angeles, più precisamente a Est Hollywood, dove porteranno i loro pezzi nel locale “The Chapel”, dopodichè torneranno a Miami e – finito l’evento – in Italia, dove li aspetta un’estate ricca di impegni e progetti, tra cui «sicuramente parecchie serate nella zona della Riviera romagnola, dove non proporremo solo musica house ma spazieremo tra generi vari in base al pubblico e alle richieste dei locali, e poi qualche altra serata fuori dall’Italia, ma è ancora troppo presto per parlarne», dichiara infine Matteo Lupidi.

Annalaura Matatia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.