Pro Loco di Faenza: alcuni numeri del 2015

Tra visite guidate, Martedì d’estate e Notte light, sono state duemila le presenze, tra faentini e turisti provenienti da altre città, che hanno fatto registrare i due cicli primaverile e autunnale organizzati dalla Pro Loco Iat di Faenza. «Un ottimo risultato – commenta la presidente della Pro Loco Patrizia Capitanio – in linea con gli anni precedenti, a dimostrazione di come Faenza possa ancora offrire itinerari interessanti e, al tempo stesso, sempre nuovi e inaspettati».

Sono stati 1.600 i turisti stranieri

Nell’ultimo anno alla Pro Loco faentina si sono rivolte oltre 10 mila persone, quasi equamente divise tra turisti e faentini. Di questi numeri complessivi il 16% è rappresentato da stranieri, arrivati da altre parti del mondo a passeggiare per le strade della città manfreda. Dalle visite al sito web della Pro Loco, sembra che i turisti stranieri più interessati alla nostra città siano quelli statunitensi, seguiti da brasiliani, tedeschi e francesi. Stando ai dati di affluenza nella Pro Loco, Faenza sembra essere meta particolarmente ambita nei mesi di maggio e giugno, ma in generale tutta la stagione estiva fa registrare le presenze maggiori rispetto al resto dell’anno.

In calo le visite guidate per la città

In calo costante invece, negli ultimi anni, le prenotazioni di visite guidate per la città: quest’anno sono state settanta. «Complessivamente le statistiche – conclude Patrizia Capitanio – sono in linea con quelle degli ultimi anni, pur risultando inferiori rispetto all’anno precedente, ma in questo raffronto pesa, inevitabilmente, la manifestazione biennale Argillà che nel 2014 ha richiamato in città un numero notevole di turisti».

Rispondi