In arrivo “A permanent state of transition”, il nuovo album dei faentini MoMa

Un viaggio lungo dieci tracce tra i tanti mutamenti che caratterizzano il nostro tempo e che avrà inizio oggi, venerdì 4 novembre 2016 con l’uscita ufficiali su tutti gli stores digitali di “A permanent state of transition“, il nuovo album della band faentina MoMa. Faentina perché due dei suoi componenti (su quattro) sono di Faenza, faentina perché il luogo principale ove sono nate le loro canzoni è Faenza e perché sempre a Faenza si trovano da ormai cinque anni a provare. Insomma, anche se c’è un lato imolese, nella carta di identità della band alla voce “Residenza” c’è scritto Faenza. Loro sono Marcello Valenti (voce), Andrea Rossi (batteria), Alessandro Bozza (basso) e Maurizio Morsiani (chitarra).

Il nuovo album: un viaggio tra i mutamenti del nostro tempo

cover170x170_nuovaSentendosi in forte cambiamento nel proprio linguaggio artistico i MoMa con questo album vogliono raccontare dei vorticosi mutamenti sociali ed ambientali di cui sono inevitabilmente parte: dal riscaldamento globale all’immigrazione, dai social network alle inquietudini proprie della società liquida con la pazza speranza di non esserne passivamente travolti, ma di poter incidere su di essi. Questa la tracklist di “A permanent state of transition”: Tasteful, Running free, Dimmin’ night; XXIst century Battle Hymn, Until, Pain in beauty, D’ya turn back, YFILAT (Your face is like a tweet), Rock and bacon, Over. Nel Cd fisico si trova una piccola chicca al posto del tipico libretto booklet per viaggiare nelle loro canzoni è presente un gioco da tavola “Momopolis” dove le pedine possono incontrare le 10 canzoni e scoprirle in modo originale.

I Moma, unconventional rock

Il gioco all'interno dei cd
Il gioco all’interno dei cd

Si scrive Moma, si legge unconventional rock. “Linked to the stars”, il loro primo album uscito nel 2013 alterna brani vigorosi e ruvidi a ballate, ritmi funky e persino un tocco di valzer. Amano immergere la loro musica in un mondo fantastico: si sono arrampicati sino all’Osservatorio astronomico di Monte Romano dove si sono realmente “collegati alle stelle”. Vincono il premio “voto del pubblico” a Faenza Rock 2012, suonano in numerosi contesti dove cercano di rendere unica ogni performance anche attraverso l’uso di linguaggi artistici diversi: teatrali, narrativi e visivi. Si esibiscono a Londra in due date memorabili nel giugno 2014 di cui una al Water Rats, palco che tra gli altri, ha visto esibirsi anche Bob Dylan agli albori della sua carriera. A seguire consolidano il loro spettacolo-live esibendosi in numerosi festival e club della Romagna. In particolare nell’Agosto 2014 aprono agli Zen Circus al festival Frogstock di Riolo Terme, nel luglio 2015 sono di scena al Riot Festival di Massa Lombarda e nel Maggio 2016 realizzano uno speciale concerto alimentato direttamente dal pubblico con biciclette che producono energia elettrica durante la Cena itinerante nel Distretto A di Faenza. Da gennaio 2016 entrano in studio per registrare il loro nuovo album, da oggi disponibile per i loro fan.

Rispondi