La Bcc e Idea Ginger: 17mila euro a sostegno del Terzo settore con il crowdfunding

Raccolte fondi a sostegno della comunità: da quella per realizzare un appartamento a Faenza in cui andranno a vivere in autonomia tre persone che sono o sono state in carico al Servizio di Salute Mentale, fino a quella per la risistemazione del campo di calcetto di Marzeno. La Bcc prosegue nell’opera di “facilitatore” di iniziative virtuose sul territorio, promuovendo il crowdfunding attraverso la piattaforma Ideaginger, con un concreto aiuto economico, organizzativo e di comunicazione alle associazioni del Terzo Settore per realizzare progetti in campo sportivo, assistenziale, civico e sociale. Roberto Pesaresi, responsabile marketing, de La Bcc ravennate forlivese e imolese, presenta i risultati del terzo anno del progetto “Crowdfunding, l’energia del Territorio”. «Nel 2019 abbiamo erogato finora 17mila euro a favore di progetti virtuosi che creano benefici alla cittadinanza e alle comunità locali, e altre sono in rampa di lancio, assistite da un cofinanziamento de La Bcc. Con questo progetto abbiamo ancor più aperto al Terzo Settore questa possibilità, maggiormente interattiva, in sinergia con la nostra Banca, per dare ancora più efficacia e risalto alle loro meritevoli attività sui nostri territori di Faenza, Forlì, Imola, Lugo e Ravenna. Anche quest’anno ci appoggiamo, con grande soddisfazione, alla piattaforma online di IdeaGinger, fondata da Agnese Agrizzi».

Le campagne di crowdfunding su Idea Ginger

Spiega infatti Agnese Agrizzi: «Fin dalla sua fondazione Ginger si è data l’obiettivo di diffondere l’innovazione digitale e civica proprie del crowdfunding in modo capillare sul territorio e la partnership che portiamo avanti da tre anni con La Bcc va proprio in questa direzione. Nei primi mesi del 2019 insieme alla banca abbiamo organizzato sei eventi sul territorio, tre di presentazione del crowdfunding e tre corsi di formazione su come realizzare ogni aspetto di una campagna di raccolta fondi online. Il tour insieme alla Bcc ha fatto tappa a Imola, Lugo e Forlì, con eventi rivolti prevalentemente a chiunque si occupasse di terzo settore e la risposta del territorio è stata straordinaria: oltre 350 persone coinvolte con i tre workshop di formazione che hanno sempre registrato il tutto esaurito».

Alcuni progetti diventati realtà sul territorio imolese e faentino

«Complessivamente – prosegue Agrizzi – da quando collaboriamo con La Bcc la banca ha già supportato 26 campagne di crowdfunding sulla piattaforma Ideaginger.it e molte altre partiranno nei prossimi mesi. Ogni progetto di raccolta fondi racconta una storia unica, come la società sportiva Diffusione Sport di Imola che con il crowdfunding riuscirà a portare in città un torneo amichevole tra alcune squadre di Serie A1 di volley femminile, la Scuola dell’Infanzia Paritaria di Bubano che grazie a più di 700 sostenitori sta ristrutturando l’asilo storico del paese, oppure la Tam Tangram Band, una banda musicale di ragazzi diversamente abili che sta incidendo il proprio secondo album grazie al supporto della folla. I progetti entusiasmanti e di impatto per la comunità sostenuti dalla Bcc  che stanno prendendo vita con il crowdfunding sono veramente tantissimi. Per esempio Sìstareinsieme-Anmic sta raccogliendo i fondi necessari ad arredare un appartamento a Faenza in cui andranno a vivere in autonomia tre persone che sono o sono state in carico al Servizio di Salute Mentale, mentre la parrocchia di Marzeno con una campagna di crowdfunding sta coinvolgendo la propria comunità per rinnovare la recinzione del campo da calcetto». «Il percorso di promozione sul territorio della cultura del crowdfunding insieme alla Bcc non si ferma – conclude Agrizzi – e dopo aver raggiunto Faenza, Forlì, Imola e Lugo, la prossima tappa sarà Ravenna, dove siamo sicuri faremo il pieno di tanti altri bellissimi progetti sociali, civici e sportivi, da trasformare in realtà con il crowdfunding».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.