Torna Faenza Ludens: dagli shangai giganti ai ‘one shot’ di giochi di ruolo

Poter passare dal guidare le armate dei Lannister ne Il Trono di Spade a far crollare sciaguratamente una torre gigante di Jenga fino a visitare una mostra di Lego. Torna sabato 15 e domenica 16 settembre al palazzo delle Esposizioni di Faenza l’appuntamento di Faenza Ludens, l’unico festival in Romagna dedicato al gioco vissuto in tutte le sue forme. Una due giorni di giochi in scatola, wargames, sport, mostre e videogiochi in compagnia dei volontari delle Ludoteche e delle associazioni della Romagna faentina per diffondere la cultura del divertimento e dell’amicizia. L’evento è giunto alla sesta edizione e l’anno scorso ha richiamato 2.500 partecipanti di tutte le età: sabato 16 sarà possibile partecipare a Faenza Ludens dalle ore 14 fino a mezzanotte, domenica invece l’orario è dalle 10 alle 20. L’ingresso è gratuito.

Faenza Ludens, un evento adatto a tutte le età per promuovere il gioco

Un evento rivolto sia ad appassionati sia a curiosi. In tutto dieci tornei, sette aree tematiche, oltre venti associazioni partecipanti, 15 espositori ed editori animeranno per due giorni il Palazzo delle Esposizioni di Faenza, cercando di promuovere le attività del gioco in tutti i suoi aspetti. «È un festival assolutamente gratuito – afferma Edoardo Bastianini, direttore artistico della manifestazione – e lo è per un motivo preciso: ha come obiettivo principale la promozione del gioco, soprattutto verso chi non conosce questo mondo. Al contrario di quanto avviene nelle tradizionali ‘Fiere del Gioco’, che hanno finalità commerciali, ci distinguiamo da queste ultime per il nostro carattere educativo-istituzionale. Vogliamo promuovere le attività di gioco sano, rompendo il pregiudizio che il gioco sia solo per i bambini». Particolare novità di quest’anno è l’attenzione per i cosiddetti giochi di ruolo – alla Dungeons&Dragons per intenderci – con la possibilità di partecipare a delle avventure ‘one shot’ di una o due ore con master (i conduttori del gioco) professionisti da Bologna e Ferrara.

Novità: i giochi ‘giganti’, collaborazione con Faenza Futura e ‘one shot’ di giochi di ruolo

Coloro che hanno sempre sognato di giocare a uno Shangai gigante quest’anno potranno realizzare il loro desiderio: altra novità di quest’anno saranno i giochi ‘giganti’, tra cui spicca, oltre ai noti bastoncini colorati di Shangai, anche Jenga, il gioco in cui si deve cercare di far restare in piedi una torre di mattoncini pur cavandone uno a giocatore per turno. Non mancheranno poi alcuni dei capisaldi di Faenza Ludens: le ricostruzioni di battaglie storiche e fantasy, dimostrazioni di scherma medievale e di Star wars, esibizioni sportive che quest’anno vedranno coinvolta la società di basket Faenza Futura. «Faenza Ludens è un evento ormai consolidato su Faenza e su tutti il territorio – spiega Simona Sangiorgi, assessore alle Politiche Educative di Faenza, che si sofferma poi sulle ricadute che ha questa manifestazione su giovani e meno giovani – Il gioco non è solo fine a se stesso, ma attraverso questa attività si hanno importanti ricadute anche a livello educativo, adatte a tutte le età. Mettersi insieme attorno a un tavolo per giocare crea momenti di condivisione e relazione, eventi ormai sempre più rari, ed è proprio per questo che vanno promossi».

Faenza Ludens è organizzato dal Comitato Ludoteche volontarie

Il sabato sera sarà dedicato ai giochi da tavolo più impegnativi e per esperti (durata dei giochi dalle 2 ore in su), mentre è confermata la nuova edizione del “Premio Ludens”, concorso volto a valorizzare in nuovi prototipi di giochi. L’evento è organizzato dal Comitato Ludoteche volontarie, nato nel 2013 dal progetto “Homo Ludens”, riunisce sette ludoteche della Romagna faentina con lo scopo di promuovere la cultura del gioco. Ne fanno parte il Risiko club “IlCannone” di Faenza, Mgm (Maghi, guerrieri, menestrelli), Gmbs (Gruppo modellismo Battaglie in scala), Ludoteca Labirinto, Alludonati, la compagnia del Dado, Area Games Next.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.