Export, nei primi 6 mesi del 2019 nessuna regione cresce come l’E-R. Ma l’artigianato fatica

L’Emilia-Romagna si conferma la seconda regione italiana per valore delle esportazioni e nel primo semestre cresce del 4,7% staccando il Veneto (+1,8%) e più ancora Lombardia e Piemonte, che invece arretrano. L’andamento positivo è stato determinato, riguardo alle destinazioni, dalla capacità di cogliere un notevole spunto sui mercati asiatici, mentre il principale contributo settoriale è venuto dall’eccezionale aumento delle vendite estere dell’altra manifatturiera. Sempre dai report di Unioncamere emerge però un settore in difficoltà: segnali in rosso arrivano dall’artigianato industriale e delle costruzioni.

Emilia-Romagna: da gennaio a giugno export +4,7%

Limitatamente al secondo trimestre del 2019, la forte crescita delle vendite all’estero dell’Emilia-Romagna arriva a +4,5%, risultate pari a 17.010 milioni di euro, secondo i dati Istat delle esportazioni delle regioni italiane, analizzati da Unioncamere Emilia-Romagna. L’aumento dell’export regionale ha trainato quello nazionale che ha mostrato una tendenza positiva, ma più contenuta (+3,3%). L’Emilia-Romagna si conferma decisamente come la seconda regione per quota dell’export nazionale (13,9%), preceduta dalla Lombardia (26,8%) e seguita dal Veneto (13,5%) e dal Piemonte (10%). Nel primo semestre dell’anno, la crescita delle esportazioni emiliano-romagnole (+4,7%) brilla se si considerano le altre regioni principali esportatrici italiane. Solo le esportazioni del Veneto sono aumentate (+1,8%), mentre segnano un arretramento quelle della Lombardia (-0,2%) e del Piemonte (-2,5%).

Alta manifattura settore trainante, bene moda, metallurgia, auto

Osservando i risultati dei comparti che hanno fornito i contributi principali alla crescita nel trimestre, si rileva come il risultato regionale sia da attribuire principalmente all’eccezionale aumento delle vendite estere dell’altra manifattura (+86,2%) e in seconda battuta all’industria dei mezzi di trasporto che ha ottenuto una crescita del 12,4%. Seguono distanziati gli apporti della metallurgia e dei prodotti in metallo (+6,5%), delle industrie della moda (+4,5%) e di quella alimentare (+3,5%). Segno rosso per le esportazioni agricole (-4,8%).

Cresce l’export nei mercati asiatici (+20,4%)

Nel secondo trimestre 2019, l’andamento delle esportazioni regionali ha tratto vantaggio da una forte crescita sui mercati asiatici (+20,4%) e dalla capacità di consolidare una tendenza positiva sia sull’area europea, in particolare dell’Unione (+2,6%), sia su quella americana, con risultati più consistenti negli Stati Uniti (+4,1%). Da segnalare un rallentamento della, finora prolungata, tendenza negativa delle esportazioni verso la Turchia (-12,3%).

Bene l’export, male l’artigianato industriale e delle costruzioni

Segnali non positivi dall’indagine sulla congiuntura dell’artigianato realizzata da Camere di commercio e Unioncamere Emilia-Romagna arrivano però dall’artigianato nell’industria. Nel secondo trimestre 2019 la produzione si è ridotta del 2,5% rispetto al corrispondente trimestre del 2018, con una nuova brusca accentuazione della tendenza negativa, avviata nel terzo trimestre dello scorso anno. L’andamento del fatturato valutato a prezzi correnti ha anch’esso accelerato la tendenza negativa (-2,7%) e una nota di ulteriore cautela per il futuro deriva dalla caduta degli ordini (-3,1%) più ampia rispetto all’andamento del fatturato e della produzione.

Si accentua l’emorragia delle imprese artigiane attive nell’industria in senso stretto, che a fine giugno erano  27.680, in flessione del 2%, ovvero 571 imprese in meno, rispetto a un anno prima. La tendenza negativa domina tutti i macro-settori ed è determinata soprattutto dall’industria metallurgica e delle lavorazioni metalliche dalle altre industrie manifatturiere e dalla moda.

L’artigianato delle costruzioni

Tra aprile e giugno il volume d’affari a prezzi correnti delle imprese artigiane del settore si è ridotto nuovamente e più rapidamente (-1,5%) rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. Il movimento accentua la flessione dello 0,7% registrata dal complesso delle costruzioni regionali. Il registro delle imprese. A fine giugno le imprese artigiane attive nelle costruzioni erano 50.607 (-1,8%), 926 in meno rispetto a un anno prima, una riduzione pressoché analoga a quella riferita al trimestre precedente, leggermente superiore a quella dell’artigianato delle costruzioni nazionale (-1,5 per cento), ma più pesante di quella dell’insieme delle costruzioni regionali (-1,1 %). La flessione è risultata più rapida per le imprese attive nella costruzione di edifici, ma più ampia per quelle che eseguono lavori di costruzione specializzati (-697 unità).

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.