Cura dell’obesità: equipe multidisciplinare al San Pier Damiano Hospital gudata dal dott. Braun

Al San Pier Damiano Hospital un’equipe multidisciplinare guidata dal dott. Braun per curare l’obesità. Nella nostra regione sono sono infatti circa 885mila le persone adulte in sovrappeso e 337mila quelle obese.

Obesità in Emilia Romagna

In Emilia Romagna ci sono circa 885mila persone adulte in sovrappeso e 337mila obese. Questo è quanto emerge dal monitoraggio triennale del programma regionale PASSI (ultima rilevazione 2017-2020). Inoltre in Regione il 26% dei bambini intorno ai 9 anni presenta un eccesso ponderale (indagine OKkio alla Salute), una condizione che rischia di perdurare fino all’età adulta. I dati mostrano che il 30% degli emiliano romagnoli è in sovrappeso e l’11% obeso (tra i 18 e i 69 anni). Il fenomeno dell’obesità è in lieve aumento nella fascia adulta: l’eccesso di peso sembra infatti crescere con l’età e vede il 56% della popolazione in regione sopra i 69 anni con un eccesso ponderale (di questi il 41% in sovrappeso, il 15% obeso – dati PASSI d’Argento 2016-2020). San Pier Damiano Hospital di Faenza, ospedale di GVM Care &Research accreditato con il SSN, ha potenziato la sua attività di chirurgia bariatrica grazie all’esperienza di un’équipe altamente qualificata nel trattamento della grave obesità guidata dal dott. Antonio Braun, medico chirurgo specializzato in Chirurgia Generale, Chirurgia Laparoscopica e Chirurgia Bariatrica.

Gli interventi e le tecniche

Il dott. Braun ha al suo attivo più di 5mila interventi di chirurgia bariatrica laparoscopica. “Al San Pier Damiano Hospital, centro accreditato SICOB, in circa 4 mesi di attività, abbiamo superato i 180 casi trattati in chirurgia bariatrica – dichiara il dott. Braun –. Attualmente stiamo lavorando per ottenere il riconoscimento di centro di eccellenza SICOB qui in Emilia Romagna; per ottenerlo, la struttura deve rispettare una serie di requisiti strutturali, ovvero effettuare almeno 100 interventi all’anno, eseguire almeno tre diverse tipologie di procedure e intervenire anche con la chirurgia di revisione. Trattiamo pazienti con obesità di almeno 3^ classe (patologica) e 2^ classe (severa) con comorbidità (diabete, ipertensione, problemi osteoarticolari importanti, disturbi metabolici)”. La struttura faentina di GVM Care & Research adotta un approccio multidisciplinare per il trattamento dell’obesità – riconosciuta dallo Stato come patologia solo lo scorso anno – che si contraddistingue per la collaborazione integrata di specialisti in Chirurgia Bariatrica, Nutrizione, Endocrinologia e Psicologia. A fronte non solo dei dati emersi ma anche delle più moderne possibilità in chirurgia, l’indicazione all’intervento, secondo le linee guida della SICOB, si è allargata ad una fascia d’età che include anche pazienti minorenni e over 60 nei casi di obesità importante. Tutto ciò è stato possibile in particolar modo grazie all’utilizzo di metodiche sempre più mininvasive: la laparoscopia ha permesso l’impiego diffuso della
chirurgia bariatrica restituisce una migliore qualità di vita a molti pazienti. Questa tecnica consente una riduzione dei tempi, a partire dal ricovero, che avviene un giorno prima rispetto all’intervento, fino alle dimissioni che possono avvenire in terza giornata post-operatoria (quando le condizioni cliniche sono favorevoli e non si riscontrano particolari criticità). I tempi di recupero per il paziente sono estremamente rapidi: può alzarsi e camminare in camera già dopo due ore dall’intervento e il giorno seguente può iniziare la dieta liquida. Inoltre, alla rapidità del recupero concorrono anche i
protocolli ERAS (“Enhanced Recovery After Surgery”, miglior recupero dopo un intervento chirurgico), che prevedono la riduzione dei quantitativi di oppiacei nell’anestesia, migliorando l’outcome sul paziente. A San Pier Damiano Hospital circa il 60-65% degli interventi è di sleeve gastrectomy (resezione dello stomaco che lo rende a forma di manica consentendo al paziente di avvertire un precoce senso di sazietà), circa nel 30-35% si tratta di bypass gastrici (intervento misto: sia restrittivo, ovvero che diminuisce la capienza dello stomaco; che malassorbitivo non consentendo l’assorbimento di determinati nutrienti ingeriti) e una piccola quota di interventi consiste nel “mini bypass gastrico”, intervento di recente utilizzo che viene destinato su pazienti selezionati secondo determinate indicazioni. Inoltre, in caso di recupero ponderale, vengono effettuati interventi di revisione nel tentativo di porre rimedio al fallimento del precedente trattamento bariatrico.

Letizia Di Deco

Classe 1998, vivo a Faenza. Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna e qui continuo a studiare Italianistica. In attesa di tornare in classe da prof, mi piace fare domande a chi ha qualcosa di bello da raccontare su ciò che accade dentro e fuori le pareti della scuola. Ho sempre bisogno di un buon libro da leggere, di dire la mia opinione sulle cose, di un po' di tempo per una corsetta…e di un caffè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.