DOPODOMANI: il progetto per orientare i giovani dopo le scuole superiori

 

Non c’è dubbio che, vedendo l’incombere dell’Esame di maturità, il dilemma più grande degli studenti delle scuole superiori sia: cosa farò dopo? La congiuntura sfavorevole non aiuta, con una disoccupazione giovanile al 37,9% (Eurostat, 2015), crisi di governo, forbici generazionali e altre avversità. Una scelta difficile comunque anche per la varietà di scelta, che inevitabilmente si smista in un approccio decisionale binario: provare a lavorare subito oppure intraprendere un percorso di studio.

Il progetto Dopodomani della Fondazione Dalle Fabbriche, realizzato in ottobre-novembre 2016, nasce per far chiarezza su questo tema complesso: l’obiettivo è quello di fornire agli studenti alcune indicazioni per affrontare adeguatamente la scelta delicata circa la strada da imboccare una volta fatto l’esame di maturità; per essere pronti ad intraprendere un nuovo percorso formativo e professionale.

Dopodomani: uno sportello individuale e incontri di classe, senza scordare la collettività

Il percorso Dopodomani è stato svolto presso le Scuole aderenti – Liceo “Torricelli/Ballardini”, IPC “Strocchi/Persolino” e Istituto Tecnico “Oriani” – in un duplice intervento: una sessione di 2 ore per classe con presentazione delle possibilità di studio, formazione e inserimento lavorativo che si aprono dopo la scuola superiore, criteri per raccogliere adeguatamente informazioni e affrontare l’indagine con tempistiche ottimali; uno sportello individuale nel quale gli studenti si rivolgono a un orientatore per un colloquio individuale che li aiuta a mettere a fuoco il proprio progetto post diploma e fornisce loro ulteriori indicazioni informative e metodologiche. In un’ottica di guadagno per la collettività è stato dato rilievo alla creazione di progetti di impresa innovativi (start-up), a iniziative auto-imprenditoriali e di mutualismo cooperativo: mantenere un’angolazione non prettamente soggettiva sui propri progetti futuri permette di aprire un ventaglio di possibilità professionali più ampio e, allo stesso tempo, di promuovere la crescita del territorio e delle persone che vi abitano e vi lavorano.

Gli incontri in classe, realizzati presso le Scuole Superiori da un team di liberi professionisti coordinato da Marco Bassetti, hanno visto una partecipazione attiva degli studenti: ciò ha rivelato una forte propensione all’interrogarsi ed al cercare risposte concrete sul proprio futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.