Coronavirus: confronto sulle misure compensative per i servizi educativi e scolastici non fruiti

L’Unione dei Comuni della Romagna Faentina, nel corso di un incontro avvenuto giovedì 5 marzo 2020 con i soggetti gestori dei nidi comunali e convenzionati, ha concordato, per il mese di febbraio, una fatturazione provvisoria alle famiglie relativamente alle rette dei nidi comunali e convenzionati, che considera le tre settimane del mese di febbraio nel quale il servizio è stato normalmente erogato.

Si è inoltre avviato un confronto tecnico per l’individuazione di misure di compensazione per i servizi educativi e scolastici non fruiti dalle famiglie nelle settimane successive al mese di febbraio. «Abbiamo sollecitato Anci Emilia-Romagna – riferisce il presidente dell’Unione Giovanni Malpezzi – affinché si possano adottare in tempi brevi misure omogenee sul territorio regionale che possano compensare famiglie, lavoratrici e lavoratori nel settore educativo dai disagi causati a seguito dei recenti provvedimenti di Regione Emilia-Romagna e Governo, resi necessari nell’ambito delle azioni di contenimento della diffusione del Coronavirus».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.