Al Consiglio comunale tra i temi: unioni civili, Ponte delle Grazie e variazione di bilancio

Matrimoni e unioni civili, ritardi nei lavori del Ponte delle Grazie e interpellanza sui Rom: saranno questi alcuni dei temi che verranno discussi in consiglio comunale a Faenza giovedì 28 settembre 2017. Inoltre il sindaco presenterà la variazione di bilancio di previsione 2017/2019. Il gruppo del Partito Democratico di Faenza presenterà due ordini del giorno, di cui uno volto a garantire spazi adeguati per i riti funebri civili e l’altro a individuare un numero maggiore di luoghi in cui celebrare matrimoni e unioni civili. «Per noi è indispensabile dare valore e importanza a ogni sensibilità – scrive il Pd di Faenza – Per garantire libertà di culto e rispetto delle scelte personali, oltre che per assicurare a tutti i defunti e ai loro cari la solennità e la dignità che ogni rito richiede, chiediamo quindi che venga dedicato un luogo consono a tali celebrazioni e predisposta una sala destinata ai funerali laici o di diversa fede rispetto a quella cattolica».

Niccolò Bosi: “Dare pari dignità a tutte le unioni civili”

La norma sui matrimoni e unioni civili indica come luogo destinato alle celebrazioni la casa comunale. «Ad oggi questi riti – recita la nota del Pd – possono essere celebrati nella residenza municipale (sono disponibili diverse sale) o presso il Museo delle Ceramiche. Così come per i matrimoni religiosi gli sposi cercano luoghi suggestivi, crediamo che questo ragionamento debba valere anche per le cerimonie civili. Avendo il nostro Comune edifici di grande pregio, chiediamo quindi che vengano identificati ulteriori luoghi dove svolgere queste celebrazioni». Il capogruppo Niccolò Bosi commenta così la presentazione di questi due ordini del giorno: “E’ importante dare pari dignità e possibilità a tutti i cittadini indipendentemente dalle proprie attitudini e dal proprio credo. Vogliamo che i riti civili possano godere di solennità e suggestione come avviene per i riti religiosi. Con questi due atti vogliamo quindi colmare questa piccola lacuna nel nostro Comune»

Il M5S presenta un’interpellanza sui Rom

Progetto di inclusione rom e lavori sul ponte delle Grazie: durante il consiglio comunale saranno discussi questi due temi tramite delle interpellanze del Movimento 5 Stelle di Faenza. I pentastellati si chiedono, anche alla luce delle dichiarazioni fatte nei giorni scorsi da Insieme per Cambiare, «se ci sono ancora margini di dialogo con tutte le forze politiche per collaborare sull’argomento e sulla risoluzione delle problematiche». Inoltre vogliono assicurarsi «se e come sono state coinvolte associazioni e cooperative per il monitoraggio e tutoraggio delle famiglie Rom, visto che era stata annunciata una gara di evidenza pubblica».

M5S: “Da 4 mesi disagi sul Ponte delle Grazie”

Il Movimento 5 Stelle sollecita poi l’amministrazione sul termine dei lavori del Ponte delle Grazie. Infatti il 18 maggio 2017 è stato riaperto alla circolazione dopo i lavori di consolidamento. «Siamo a fine settembre 2017 e ancora il Ponte si presenta con la carreggiata ristretta dalle barriere new jersey – spiegano nella nota – ciò crea pericolo per la circolazione, soprattutto quella ciclabile, costretta o a transitare a piedi sul marciapiede o a districarsi fra le auto». I lavori di completamento consisterebbero nell’allargamento del marciapiede da entrambi i lati, in modo da renderlo ciclopedonale «operazione realizzabile abbastanza facilmente – continuano i pentastellati – che andrebbe a migliorare sensibilmente la viabilità». Il M5S chiede dunque all’amministrazione quali siano le motivazioni di questa mancanza di completamento dei lavori e se e quando, gli stessi, saranno effettivamente terminati.

Rispondi