Cisl Romagna al direttore Tiziano Carradori: “Le nostre proposte per l’Ausl Romagna”

«Come Cisl Romagna siamo pronti a un confronto franco e costruttivo e auspichiamo che la disponibilità all’ascolto già dichiarata dal nuovo direttore generale si traduca presto in passi concreti. Noi siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità»: è questo il messaggio che il sindacato lancia al nuovo direttore generale di Ausl Romagna, Tiziano Carradori, per un rilancio dell’azienda unica in occasione del cambio della direzione. «Se con Tonini avevamo condiviso la costituzione dell’Ausl Romagna, ora con Tiziano Carradori, nuovo direttore generale, vorremmo concertare le linee guida del suo sviluppo, che per la Cisl Romagna sono: visione romagnola, condivisione, sostenibilità e valorizzazione del personale»

“Sono da correggere alcune rotte nel percorso che portino all’attuazione del Sistema Romagna”

Scendendo nel dettaglio, scrive Cisl Romagna, «è necessario assicurare con i fatti una ‘visione di Sistema Romagna’ che garantisca a tutti e quattro i territori delle ex aziende sanitarie (Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini) uno sviluppo equilibrato e coerente con quel concetto di rete che fu disegnato e concordato al momento della definizione dell’azienda unica. Infatti mancano ancora dei passi decisivi per realizzare quel progetto e, ad avviso della Cisl Romagna, in alcuni casi è indispensabile correggere la rotta del percorso. L’esperienza Covid ha dimostrato senza alcuna ombra di dubbio l’importanza e il ruolo centrale del sistema sanitario pubblico e dei suoi operatori».

Cisl Romagna: “Gli operatori sanitari non sono solo un costo”

«Da tempo – prosegue la nota della Cisl – il sindacato si è fatto carico del concetto di risorse definite nell’ambito della spesa pubblica e proprio per questo ritiene necessario verificare il tema del finanziamento all’Ausl Romagna e condividere l’individuazione delle priorità di azione. Solo con la condivisione si può assumere la responsabilità delle scelte. Negli ultimi mesi tutti hanno espresso parole di apprezzamento e vicinanza, fino a definire eroiche, tutti gli operatori sanitari che erano e che sono tuttora in prima linea contro il Covid. Ma la vicinanza nei momenti di difficoltà non basta. Occorre ribadire che il personale tutto è davvero la prima indispensabile risorsa dell’azienda e non un mero costo. Moltissimo è stato fatto in questi anni per armonizzare gli istituti riferiti al personale, con grandi sforzi e senso di responsabilità, senza stanziamenti aggiuntivi di risorse da parte regionale, nonostante l’imponente obiettivo di unificazione di quattro storie aziendali diverse. Molto però ancora resta da fare. Ci aspettiamo grande attenzione anche su questo versante, pari a quella che certamente verrà dedicata ai servizi da erogare».

Samuele Marchi

Giornalista, sono nato a Faenza e dopo la laurea in Lettere all’Università di Bologna frequento il master in 'Sviluppo creativo e gestione delle attività culturali' dell’Università di Venezia/Scuola Holden. Ho collaborato con diverse testate locali e nazionali come Veneto Economia, Alto Adige Innovazione, Cortina Ski 2021, Il Piccolo, Faenza Web Tv. Ho partecipato all'organizzazione del congresso nazionale Aiga 2015 e del Padova Innovation Day. Nel 2016 ho pubblicato il libro “Un viaggio (e ritorno) nei Canti Orfici” (Carta Bianca editore) dedicato al poeta Dino Campana. Amo i cappelletti, tifo Lazio e, come facendo un puzzle, cerco di dare un senso alle cose che mi accadono attorno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.